Salta al contenuto principale

I Suoni delle Dolomiti

in versione dimezzata

Primo concerto il 4 luglio in val di Fassa con Mario Brunello

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
5 minuti 4 secondi

Il pianista Nicola Piovani, un fuoriclasse del jazz come Dave Douglas, Petra Magoni, Toumani Diabaté, Ernst Reijseger, Nina Zilli, Enrico Pieranunzi e il cantautore romano Niccolò Fabi. 
Questi alcuni fra i maggiori protagonisti della ventunesima edizione del festival I Suoni delle Dolomiti che quest'anno propone una serie di appuntamenti sulle più belle montagna del Trentino dal 2 luglio al 28 agosto . La formula è la stessa che ha fatto la fortuna di questo festival con una serie di concerti a carattere gratuito che si svolgono nel primo pomeriggio, alle 13, e una volta all'alba, nei pressi di rifugi alpini: cime, malghe e boschi che vengono raggiunti a piedi insieme dal pubblico e dagli stessi musicisti, che si portano in spalla i propri strumenti.

Ridotto invece il numero degli eventi in cartellone che dalla trentina della passata edizione, quella dei primi vent'anni, diventano diaciassette, adeguandosi a tempi in cui bisogna fare sempre più i conti con budget organizzativi ridotti rispetto al passato.

Ad organizzare il Festival, con programma di concerti che spaziano dalla musica classica, al jazz alla world music fino alle incursioni nella musica leggera e soul, sono l'assessorato provinciale al turismo, Trentino Marketing con le Apt d'ambito, mentre la direzione artistica è affidata alla coppia collaudata, formata da Chiara Bassetti e Paolo Manfrini, 

Ad aprire il Festival, sabato 4 luglio, Dolomiti di Fassa, rifugio Contrin, il concerto di musica classica proposto da Mario Brunello, Ivano Battiston e Gabriele Ragghianti. In questa occasione verranno eseguite musiche di compositori legati al periodo storico della Grande Guerra e di autori di repertorio, includendo anche una pagina contemporanea scritta da Sofia Guibaidulina in omaggio alle sofferenze dell'umanità: In Croce .

Sabato 11 luglio: ancora classica in Val Rendena al Doss del Sabion con le note del Quartetto Jerusalem , formazione considerata come uno dei più dinamici quartetti d'archi che proporrà composizioni di Mozart e Bartok.
Sarà all'insegna delle improvvisazioni pianistiche in libertà proposte da Enrico Pieranunzi l'appuntamento di martedì 14 luglio in Val di Fiemme, passo di Lavazé.
L'evento ormai classico per vivere in musica l'Alba delle Dolomiti sarà quello di sabato 18 luglio, val di Fassa, Gruppo Lusia - Bocche, Col Margherita, con un particolare ed affascinante intreccio fra jazz e musica classica proposto da due musicisti come Mario Brunello e il trombettista americano Dave Douglas , figura di spicco del panorama jazzistico contemporaneo e autore nel 2003 di Mountain Passages , composizione che verrà riproposta in una nuova veste, con i quattro violoncellisti di Cello4Ever.

Martedì 21 luglio, val di Fiemme, Buse de Tresca, musica jazz con il duo transalpino del fisarmonicista Vincent Peirani , nuova star del suo strumento, e del sassofonista Emile Parisien . Mercoledì 29 luglio (Val San Nicolò, Val di Fassa) arriverà dal Mali Toumani Diabaté, virtuoso e poeta di uno degli strumenti simbolo della musica africana, la kora: il maestro sarà accompagnato dall'allievo, suo figlio Sidiki , dando vita a un duo che non mancherà di rendere omaggio alle vittime dei viaggi della speranza dall'Africa all'Europa.

A chiudere luglio, venerdì 31 al rifugio Segantini in Val Rendena il concerto degli 8 Violoncelli di Torino , con un repertorio che si spinge anche nei territori della musica per il cinema.
Sarà un virtuoso del violino come l'austriaco Thomas Zehetmair, con i Capricci di Paganini, il protagonista del primo evento di agosto in cartellone lunedì 3 al rifugio Vajolét, Val di Fassa.
Fra gli appuntamenti più suggestivi quello di mercoledì 5 agosto in val di Non, Gruppo del Brenta, Pian della Nana, con il pianista e premio Oscar per la colonna sonora del film La vita è bella di Roberto Benigni, Nicola Piovani , che in questa occasione eseguirà in quintetto una selezione di proprie opere concepite anche per il teatro. Col suo pianoforte in netta evidenza, ne propone una selezione adattata per un organico strumentale agile che poggia sulla cantabilità di fiati, violoncello, chitarra e fisarmonica e sulla spinta ritmica di contrabbasso, batteria e percussioni.

Nel segno del binomio musica-cinema sarà anche il concerto di giovedì 6 agosto a Villa Welsperg nel Primiero, ai piedi delle Pale di San Martino. Protagonisti uno dei fuoriclasse del jazz italiano qual è il trombettista Paolo Fresu, con il bandoneonista Daniele di Bonaventura e gli archi de I Virtuosi Italiani, che proporranno le musiche del film Vinodentro. Questo concerto è inserito nel Progetto Expo e territori.

Venerdì 7 agosto in Val di Fiemme al Laghi di Bombasèl le notr saranno quelle del duo formato dalla violista tedesca Danusha Waskiewicz e dal contrabbassista venezuelano Edicson Ruiz . La world music sarà rappresentata anche dai Signum five , quattro sassofonisti, un fisarmonicista e un percussionista che si appropriano della musica balcanica martedì 11 agosto al Rifugio Boè, Val di Fassa.

Lunedì 17 agosto Altopiano della Paganella, Monte Gazza, spazio al progetto Voci di donna nella terra che cambia: un viaggio fra tematiche care alla figura femminile attraverso canti di ispirazione popolare e composizioni che riflettono l'attualità. Il progetto, ideato dal compositore trentino Armando Franceschini, coinvolgerà un'interprete versatile come Petra Magoni, dalla voce flessibile come poche altre, i Virtuosi Italiani e il Coro da Camera del Trentino.

È il violoncellista olandese Ernst Reijseger , uomo di punta della musica improvvisata europea, il protagonista del live di mercoledì 19 agosto ,al Rifugio Rosetta Pedrotti, San Martino di Castrozza, mentre venerdì 21 agosto al Camp Centener in Val Rendena, spazio alle vibrazioni soul di Nina Zilli che dopo il suo live di ieri a Trento proporrà un set con sfumature decisamente unplugged accompagnata dagli inseparabili strumentisti della Smoke Orchestra.
Ritorna a proporre le sue canzoni il cantautore romano Niccolò Fabi che lunedì 24 agosto sarà a Malga Canvere, Gruppo Viezzena - Bocche. Niccolò Fabi proporrà un set in assoluta solitudine durante il quale proporrà un viaggio attraverso le sue canzoni più amate e ispirata.

Ultimo evento della 21ª edizione dei Suoni quello di venerdì 28 agosto al Rifugio Roda di Vaèl in Val di Fassa, dove i musicisti dell'ensemble di fiati Mahler Chamber Soloists eseguirà un programma di composizioni che spazieranno da Gesualdo a Stravinskij . Una conclusione raffinata.


I Suoni delle Dolomiti - 20 anni di musica sulle montagne del Trentino

 

Song n.14 (live) - Lorenzo Monguzzi, Marco Paolini e Piccola Orchestra Variabile

 

I Suoni delle Dolomiti - Quartetto di Torino e Quartetto Prometeo - Mendelssohn - Ottetto per archi.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?