Salta al contenuto principale

Addio a Jerry Lewis
«leggenda» del cinema

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 21 secondi

Il Picchiatello diceva che «bisogna essere matti per fare il comico», e lui aveva iniziato a 5 anni quando si era accorto che la gente rideva alle sue battute.

Ma Jerry Lewis, uno dei comici più rivoluzionari del dopoguerra, era nonostante tutto diventato un monumento e i suoi 90 anni, giusto il 16 marzo del 2016, erano stati celebrati con una retrospettiva al MoMa di New York e una reunion con Martin Scorsese al «Museum the Moving Image».

Ora, dopo una morte varie volte annunciata come una fake news, Hollywood Reporter e Variety annunciano che Jerry Lewis, con all'attivo una quarantina di film come attore, una decina da regista, tanta tv, è scomparso davvero a Las Vegas a 91 anni per cause naturali.

Lewis nacque il 16 marzo del 1926 a Newark, periferia delle Grande Mela, da genitori attori di vaudeville, russi di origine ebraica, radici che gli fecero abbandonare presto la scuola, quando fu espulso dal collegio dove era iscritto per aver picchiato un insegnante che parlava male degli ebrei.

Erano gli anni che precedevano la Seconda Guerra Mondiale, che evitò grazie ad un'otite che gli aveva perforato il timpano. Fu uno dei tanti lavoretti occasionali di quegli anni a lanciarlo nel mondo dello spettacolo. Iniziò come maschera in un cinema-teatro di Brooklyn e i suoi brevi sketch fra il primo e secondo tempo furono subito notati. La sua prima tournée risale al 1944 e due anni dopo nasce il sodalizio con Dino Crocetti, italo-americano che prenderà il nome artistico di Dean Martin.

Il successo del duo fu immediato, da una parte il fascino di Martin, dall'altra la comicità sgraziata di Lewis. Insieme girarono 16 film fra i quali «Attente ai marinai!» (1952), «Morti di paura» (1953), «Il nipote picchiatello» (1955), «Artisti e modelle» (1955) e «Hollywood o morte!» (1956). Fu proprio nel 1956 che il sodalizio si ruppe e dopo un periodo meno brillante, per Lewis iniziò la carriera di «total-filmaker»: risale al 1960 il suo primo film da attore e regista, «Un ragazzo tutto fare». Poi vennero «L'idolo delle donne» e «Il mattatore di Hollywood» (entrambi del 1961), «Jerry 8» (1964) e il suo acclamato capolavoro, «Le folli notti del dottor Jerryll» (1963).

Inventò anche una tecnica di lavoro sul set. Dal momento che quasi tutti i suoi sketch erano improvvisati, Lewis-regista aveva bisogno di controllare immediatamente il lavoro fatto. Fu lui dunque a portare sul set la tecnica del video assist, che utilizzava monitor per vedere il girato in tempo reale. La tecnica è ancora oggi abitualmente usata sul set.

Jerry Lewis, nonostante i guai fisici, ha vissuto gli ultimi anni da arzillo vecchietto. Aveva subito l'impianto di quattro bypass coronarici ed era stato operato di cancro alla prostata. Soffriva anche di diabete e fibrosi polmonare ma a Las Vegas, dove viveva con la seconda moglie, ha tenuto fino all'ultimo spettacoli dal vivo e seminari sul buonumore.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?