Salta al contenuto principale

Pif, la mafia e "In guerra per amore": ecco il nuovo film

Dai morti di mafia nella Palermo degli anni '80 e '90 di “La mafia uccide solo d'estate” a l'operazione Husky dell’ultima pellicola. "Inconsciamente, forse dovevo chiudere un discorso iniziato con il mio primo film. Volevo raccontare i partigiani e sono finito allo sbarco degli alleati in Sicilia e all'appoggio dato dalla mafia agli Stati Uniti", dice Pif, presentando al cinema Rouge et Noir “In guerra per amore”. Una curiosità: il paese in cui è ambientato il film, dove spadroneggia un capomafia, si chiama Crisafullo. Somiglia un po' troppo all'ex senatore del Pd, Mirello Crisafulli, spesso nel mirino dell'attore palermitano. "Gli abitanti si chiamano crisafulliani. Una casualità", ride Pif. (giorgio ruta)