Montagna / La spedizione

Giampaolo Corona lascia l'ospedale di Kathmandu e rientra in Italia dopo la disavventura sull'Annapurna

Il forte alpinista primierotto è atteso in Trentino domani, 4 maggio, dopo l'ascesa senza ossigeno supplementare fino alla vetta del mitico ottomila himalayano e le difficoltà nella bufera di neve e vento sulla via del rientro al campo base. Dovrà proseguire le terapie, dopo il congelamento sofferto a causa delle due notti passate all'aperto oltre quota 7 mila

IL RECUPERO Giampaolo è in salvo dopo l'intervento dell'elicottero a quota 7.400
LA GALLERY La sfida a uno dei monti celebri dell'Himalaya
LE CONDIZIONI Alla ricerca di una finestra utile fra nevicate e vento fortissimo

Montagna / La sfida

Scala in un giorno sei vie sulle Pale di San Martino: l'impresa della guida alpina trentina Peter Moser

"Ho voluto mettere al centro la montagna. Non è stata solo la ricerca di una performance, anzi era l'ultimo dei miei obiettivi. Era anche una ricerca delle mie origini. Il mio obiettivo era vivere l'avventura, non misurare il tempo. I leggendari pionieri ci hanno messo 20 anni per salire queste cime, a me, grazie al loro lavoro e alla loro genialità, è bastato un giorno"