Salta al contenuto principale

Parto sprint, la bimba nasce in auto

I genitori erano appena partiti da Borgo

per raggiungere l'ospedale Santa Chiara

Quando è arrivata l'ambulanza la piccola era già in braccio alla mamma

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi

Aveva proprio fretta di nascere la bimba che, ieri mattina, non ne ha voluto sapere di aspettare di arrivare all’ospedale Santa Chiara di Trento prima di vedere la luce.

Un nuovo parto in strada, in questo caso praticamente quasi sull’uscio di casa, ma che fortunatamente si è concluso nel migliore dei modi.

La mamma, che già ha dato alla luce altri due bambini, risiede a Borgo, in zona Borgo Vecchio: ieri mattina, con il parto a termine ma con nessun segnale che preannunciasse una nascita nel giro di poco, la donna si era addirittura recata proprio all’ospedale San Lorenzo di Borgo, per una visita odontoiatrica. Poi, una volta a casa, sono iniziate le prime doglie ed il travaglio, nel giro di una manciata di minuti, era iniziato: assieme al marito, la donna è saltata in auto per raggiungere l’ospedale di Trento.

Ma non è trascorso forse neanche un minuto da quando si sono messi in moto che già la testolina della bimba faceva capolino, con una irrefrenabile voglia di nascere: marito e moglie erano ancora alle porte di Borgo, lungo la strada provinciale 109, nei pressi di una carrozzeria e di una stazione di servizio. Tempo di accostare la macchina ed a quel punto è partita la chiamata alla Centrale Unica delle Emergenze, che ha fatto arrivare sul posto in brevissimo tempo un’ambulanza di Trentino Emergenza con l’infermiere a bordo.

Fortunatamente, anche se in momenti molto concitati, la piccola è nata senza alcun problema ancora nella macchina dei genitori, assistita dal personale sanitario, in quanto era ormai troppo tardi per un trasbordo sull’ambulanza. Poi mamma e bimba sono state caricate in ambulanza e trasportate nel reparto di ostetricia del Santa Chiara di Trento, entrambe in buone condizioni di salute.

La rapidità dell’evento non ha neanche richiesto che da Trento, a bordo dell’elisoccorso, arrivasse un’ostetrica per l’assistenza durante il parto, in quanto il personale di Trentino Emergenza se l’è cavata egregiamente, e la mamma ormai al terzo figlio dato alla luce sapeva come comportarsi.

Proprio due mesi fa, sempre il personale di Trentino Emergenza di Borgo Valsugana era stato protagonista di un altro parto in strada, a Levico, lungo la Statale 47 della Valsugana. In quel caso mamma e papà, sempre della Bassa Valsugana, avevano percorso pochi chilometri prima che il maschietto decidesse di venire alla luce: l’ambulanza, arrivata sul posto, aveva caricato la donna e l’ostetrica, arrivata da Trento in elicottero, aveva fatto nascere il piccolo prima che con la mamma fosse elitrasportato al Santa Chiara.

Il giorno seguente un altro parto precipitoso era avvenuto a Trento, nella centralissima Piazza Venezia, sempre a bordo di un’ambulanza.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy