Salta al contenuto principale

Allevatori sul piede di guerra:

da oggi raddoppiano i costi

per trasporto e smaltimento

Chiudi

Aumentano gli aiuti Ue per l'agricoltura trentina

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

Allevatori della Bassa Valsugana e del Tesino in assemblea, martedì mattina, presso la sede dell’Associazione Agraria. Nel suo intervento, il nuovo presidente Michel Pedrin ha ripercorso l’attività dello scorso anno ricordando le tradizionali mostre bovine e dei cavali dell’autunno e la presenza, sul territorio, anche dei giovani allevatori.

In sala il presidente degli allevatori trentino Mauro Fezzi che ha ribadito come quest’anno la Federazione debba fare i conti con risorse sempre più limitate. Ma quello che più interessava i soci era la novità del 1 marzo legata ai costi di trasporto ed incenerimento degli animali morti.

«Dal 1 marzo la tariffa finora in vigore raddoppia. La Federazione, alla luce dei contributi che mancano, non può continuare a sostenere costi così alti». Ma come cambiano i prezzi per gli allevatori? Per i capi più grossi la spesa passa da 10 a 20 euro, da 2 a 4 euro per gli animali più piccoli. Nessuna maggiorazione di spesa, invece, per gli ovicaprini e gli avicunicoli. Non c’era l’assessore provinciale Giulia Zanotelli con il direttore ed il responsabile commerciale della Federazione Massimo Gentili e Fabio Stancher che hanno relazionato sul mercato dei vitelli (da 20 anni non c’erano prezzi così bassi) ricordando anche agli allevatori l’obbligo di comunicare l’utilizzo che hanno intenzione di fare delle deiezioni. Di tempi e modalità delle domande di contributi ne ha parlato Stella Caden, responsabile dell’Ufficio Agricolo di zona. Non ci sono solo i bandi del Gal e le varie indennità compensative. C’è la possibilità di avere contributi anche per nuovi insediamenti o investimenti. «Rispetto ad altre realtà trentine, qui in Valsugana si è davvero mosso poco in questa direzione- ha ribadito - e questo non è di certo un bel segnale».

Da quasi un anno Michel Pedrin ha preso il posto di Antonio Cenci. Fanno parte del direttivo dell’Unione Allevatori Bassa Valsugana e Tesino anche Renato Costa, Beppino Dalprà, Daniela Debortoli, Federico Lenzi, Ottavio Ropelato, Alessandro Sandri, Roberto Sandri, Pietro Stefani, Silvio Tomaselli, Daniele Dalcastagnè, Cornelio Dissegna, Silvio Stroppa e Fausto Tomaselli.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy