Salta al contenuto principale

Addio a Sandro Chistè

che marciava per la pace

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

Addio a Sandro Chistè, indimenticabile camminatore per la pace da un capo all’altro dello Stivale. Se n’è andato in punta di piedi, su quei piedi spossati e doloranti che lo hanno assistito nelle sue inarrestabili marce con la bandiera color arcobaleno al collo.

Il corpo esanime del sessantatreenne agricoltore in pensione è stato rinvenuto accasciato al suolo nel tardo pomeriggio di sabato in un tratto di bosco al limitare della campagna, a breve distanza dalla sua abitazione di Pergolese. Intervenuti sul posto, i soccorritori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso avvenuto per arresto cardiaco improvviso.
Nessuno o quasi trova la forza di parlare, il dolore è troppo intenso perché possa essere superato così presto. Pergolese è tramortita, l’unica reazione alla mesta notizia è un religioso silenzio.

Mai sopra le righe e di una semplicità disarmate, Sandro manifestava una sensibilità non comune alle altrui sofferenze, e il metodo pacifista - quello delle marce - di esplicita ispirazione gandhiana lo aveva conquistato al punto da incamminarsi più volte verso il centro-sud d’Italia.
Aveva legato il suo nome al memorabile pellegrinaggio verso il colonnato del Bernini in compagnia della figlia Maria Chiara, rientrati a giugno 2013, come ebbero a dire di lì a poco, “«cambiati nel corpo e nello spirito» dopo aver macinato chilometri senza alcun soldo in tasca «ma contando sulla Provvidenza».

E poi, un anno mezzo fa, l’ancora più impegnativo «cammino per la pace dal Brennero a Palermo» patrocinato dal Forum trentino per la Pace: 1.870 chilometri, per di più in solitaria, affrontati con la forza mite della preghiera implorando il «sereno sull’umanità». «Noi abbiamo la pace - aveva premesso alla vigilia della sua partenza - ma nel mondo c’è chi lotta per conquistarla e ognuno di noi può fare qualcosa».

Di lui, che s’era speso tanto per la comunità, il responsabile del Cedas di Vezzano Carlo Benigni riesce a dire a stento: «Ci aveva aiutato più volte nella raccolta del mobilio per la Caritas, era una persona speciale». Fatica a commentare anche il sindaco di Madruzzo Michele Bortoli: «Era una persona con un grande cuore, si è fatto volere bene da tutti, aveva sentimenti e valori enormi da cui abbiamo tutti da imparare». Ne è prova lampante la miriade di messaggi di cordoglio che si susseguono in rete in queste ore da tutta la penisola, perfino dalla tastiera di alcuni esponenti politici del meridione.

A don Paolo Devigili, che lo ricorda come «un uomo semplice, generoso e sempre sorridente» il compito di officiare le esequie domani, alle 14.30, a Pergolese.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy