Salta al contenuto principale

La gara goliardica di corsa
si fa su e giù per i giroscala

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

Per due giorni, domani e domenica, ogni scala di condominio, ogni soppalco in casa, ogni discesa per garage e cantine potrà trasformarsi nella palestra per un’inedita e originale competizione sportiva: l’associazione roveretana “Gente fuori strada” ha infatti deciso di rilanciare il challenge dell’associazione “Laives Runner” e anzi ampliare la chiamata allo sport, con una Ggsd (Gara goliardica a squadre a distanza), allo scopo di mantenersi in contatto e in allenamento.

«Vogliamo creare sinergia - spiega Alessandro Libardi , presidente dell’associazione roveretana - tra gruppi podistici, di corsa, trail. Ci sono già molte iscrizioni, che hanno coinvolto associazioni anche fuori dal Trentino, e solo domenica sera sapremo quanti sono stati i partecipanti, però ci aspettiamo circa 500 “atleti”. Le regole sono semplici: a tutti gli iscritti viene fornito un documento da compilare con le performance personali. Il via è sabato mattina e la gara si chiuderà domenica sera, si possono fare sessioni separate, e alla fine i chilometri ed il dislivello vengono trasformati con dei coefficienti per stilare una classifica a squadre».

«Poiché è una gara goliardica - riprende Librardi - e il senso è quello di darsi uno stimolo a muoversi all’interno delle norme vigenti in attesa di rivederci all’aperto, non ci sarà nessun vincitore e neppure premi: la volontà è quella di allenarsi insieme e mettersi alla prova. Tutto va bene: le scale di casa, i giardini privati, gli spazi intorno alle abitazioni, purché si rispettino due regole: vanno osservate le restrizioni antivirus e non ci si deve assolutamente far male. Quindi va bene anche solo camminare o salire con cautela le scale; e servono scarpe adatte. Certo, salire e scendere le scale di casa in solitaria può sembrare un po’ assurdo, ma se lo si fa consapevoli che tanti altri lo stanno facendo, allora è tutto diverso».

Per chi era abituato a macinare chilometri nei boschi, è dura starsene al chiuso, «ma è giusto sottostare alle regole, e noi lo facciamo il più possibile» ammette Libardi, che per il challenge ha già chiesto ai condomini della palazzina dove vive, di avere il permesso di usare le rampe di scale nelle sessioni di allenamento in programma.
E sempre per venire incontro ai podisti in crisi da astinenza da movimento, il gruppo Gente fuori strada ha messo on line una serie di allenamenti proposti dal loro socio e preparatore atletico Roberto Degasperi, che ogni giorno sono trasmessi dal vivo e che coinvolgono circa 80 persone. «Le visualizzazioni di queste lezioni, gratuite, arriva fino a 700 connessioni» aggiunge Libardi.

Il gruppo sportivo roveretano raccoglie circa 140 soci e l’anno scorso, ogni giovedì, proponeva giri a piedi nei dintorni della Città della Quercia. «Abbiamo totalizzato circa 450 km di percorrenza, 13mila metri di dislivello in 37 uscite - sottolinea il presidente - a riprova che viviamo in un contesto unico, in cui si può partire dal centro città e raggiungere a piedi boschi e zone naturali di grande bellezza. E siamo orgogliosi, anche grazie alla “Night Trail” e alla “Re del bosco” di aver fatto conoscere ai roveretani le infinite possibilità escursionistiche del nostro territorio».

Per informazioni sulla Gara goliardica basta contattare la pagina Facebook o scrivere a info@gentefuoristrada.com. Possono iscriversi le associazioni sportive oppure anche squadre di amici. Saranno anche raccolti fondi per donazioni ad Emergency.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy