Salta al contenuto principale

Per la Cantina di Ala

rendimenti da record

ed è tornata l'armonia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 28 secondi

La vendemmia 2019 è praticamente appena finita, ma in cantina ad Ala, naturalmente, i conti si fanno con quella dell’anno precedente. Che è stata ricca. Il risultato, per i soci, è una resa per ettaro che non si era mai raggiunta, in passato, a quelle latitudini: 18.525 euro. E su questa scia la recente assemblea ha visto approvare il bilancio senza scossoni, e confermare i consiglieri uscenti senza mugugni.
In assemblea il presidente Lino Trainotti ha ovviamente portato la situazione della cantina, dal punto di vista contabile. E per il momento, nella cooperativa consorziata con Mezzacorona, la situazione patrimoniale è di quelle da lasciar dormire tranquilli la notte. Nel 2018 la vendemmia è stata ricca, dal punto di vista della quantità: 75 mila ettari di uve conferite, decisamente più di quanto previsto, e assolutamente di più di quanto raccolto l’anno precedente. Ma la vendemmia ricca è stata una caratteristica di tutti i territori. Il risultato, su molti mercati, è stato un crollo sul fronte dei prezzi. La cantina di Ala ha potuto limitare al minimo questo problema. Risultato: il pagamento medio al quintale è stato di 112 euro, in flessione lieve, rispetto all’anno precedente; la compensazione con la quantità, ha fatto sì che si toccasse il record di resa per quintale. Merito, osserva il presidente Trainotti, delle sinergie di gruppo: «Questo risultato è stato possibile soprattutto grazie al lavoro del gruppo Mezzacorona, forte sul piano del marketing e dell’esportazione, soprattutto negli Stati Uniti. Merito di Mezzacorona e del braccio oerativo di Nosio, di cui noi siamo soci. L’inserimento nel gruppo permette anche di ridurre i costi sia di produzione sia di acquisto».
Ecco come si arriva ad una situazione patrimoniale molto incoraggiante. Il fatturato è salito a quota 11.418.093 euro, l’utile netto è di 43.232, mentre il patrimonio è di 3.377.409 euro. A ciò si aggiunga l’indebitamento minimo: poco più di 500 mila euro, il 4,4% del fatturato. La solidità, insomma, è un dato oggettivo. E questo nonostante i grandi investimenti degli anni scorsi - l’ultimo in ordine di tempo quello sul deputarore. Ora la cooperativa può godersi la struttura, ormai efficiente: «Adesso ci concentriamo sulla manutenzione» osserva Trainotti, che tuttavia cerca di coinvolgere il più possibile i soci: «Io credo che siano importanti i dati finanziari, ma lo siano anche le relazioni tra i soci - spiega - l’armonia della compagine sociale è altrettanto importante». Lo ha ribadito anche all’assemblea, dove sono intervenuti il presidente Luca Rigotti e il direttore generale Francesco Giovannini, del Gruppo Mezzacorona, così come ha partecipato il direttore di Nosio Stefano Fambri. Confermati, inoltre, i consiglieri uscenti: Alberto Campostrini, Fabrizio Cavagna e Alessandro Simonini.
Archiviata l’annata, ci si concerta sulla vendemmia 2019: «Dal punto di vista qualitativo, direi è stata eccellente spiega Trainotti - la quantità è stata minore anche a quanto previsto, siamo al 20% in meno. Eravamo preoccupati per un clima non facile, caldo e umido, che ha fatto crescere grappoli meno pesanti. Inoltre la pioggia di agosto ha favorito l’insorgenza del marciume acido. Ma abbiamo anticipato la vendemmia e siamo riusciti a risolvere».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy