Salta al contenuto principale

Cantina Mori Colli Zugna:

indagate 90 persone

dai vertici ai soci

Chiudi Fonte:

Gianni Cavagna

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

C'è voluto quasi un anno, per tirare le fila di tutto. D'altronde non era semplice capire con quale uva è stato fatto quale vino. Ora, a 12 mesi di distanza dal blitz dei Nas nella cantina Mori Colli Zugna, la procura ha mandato il conto. Ed è un conto salato per tantissime persone. La chiusura indagini in queste ore viene notificata a 90 indagati: 88 uomini e 2 persone giuridiche. Un numero che, è facile immaginarlo, rischia di essere dirompente anche in vista della futura assemblea in cui i soci dovranno scegliere la nuova governance, dopo la gestione commissariale avviata a scadenza.

Non tutte le posizioni sono uguali. Al centro dell'indagine, che resta per frode in commercio e contraffazione di indicazioni geogrfiche o denominazioni di origine di prodotti agricoli, cinque nomi, secondo la procura responsabili dell'ideazione del presunto raggiro. Si tratta dell'ex direttore Luciano Tranquillini, l'ex enologo Enrico Malfatti, l'ex presidente Paolo Saiani e l'ex vicepresidente Francesco Moscatelli. Nei loro confronti - e nei confronti di un'impiegata della cantina, coinvolta perché chiamata ad eseguire le indicazioni - la procura ha ipotizzato anche il reato di associazione a delinquere. Un macigno, nell'ambito di un quadro accusatorio - per altro tutto ancora da dimostrare - comunque pesantino. 

Da dove è partita l'indagine, lo si ricorderà: in alcune botti della Colli Zugna era stata trovata acqua, anziché vino. Da qui la megaperquisizione, il 24 gennaio 2018, e gli accertamenti. Perché fin da subito il dubbio è stato uno: che in quella cantina non si rispettassero i disciplinari - per altro estremamente stringenti - per il doc. E che quindi non tornassero i conti di conferimenti e pagamenti. 

Queste le accuse, di cui ancora poco è noto. Ora gli indagati hanno 20 giorni di tempo per presentare memorie o farsi sentire (ma alcuni l'hano fatto già durante l'indgine). Poi il pm deciderà se chiedere l'archiviazione o il rinvio a giudizio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy