Salta al contenuto principale

Il ricordo dei caduti

e le lacrime del generale

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

I nomi dei 105 caduti durante la grande guerra sono stati scanditi nella chiesa arcipretale di Folgaria. Domenica 4 novembre, a cento anni dall’entrata in vigore dell’armistizio di villa Giusti, anche Folgaria ha ricordato i caduti di entrambi i fronti. Alla fine della celebrazione, alla presenza della compagnia Schützen Folgaria-Vielgereuth e del gruppo Alpini, il parroco don Giorgio Cavagna ha benedetto le corone d’onore messe a disposizione dall’amministrazione comunale. Poi le due formazioni si sono portate al monumento dei caduti, davanti alla casa della cultura, e quindi al cimitero militare austro-ungarico. Marco Hueber della banda musicale di Folgaria ha eseguito alla tromba «Il silenzio» e «Ich hatte ein Kamerade», dopo di che Fernando Larcher, cultore di storia locale, ha ripercorso i fatti che sul fronte italiano hanno portato alla fine del conflitto ricordando in particolare la figura del generale Ignaz Verdross, comandante del XIV corpo d’armata attivo sugli altipiani, che il 2 novembre 1918, prima di abbandonare Folgaria, si soffermò nel cimitero a salutare, lacrime agli occhi, i suoi soldati. I due gruppi, con una delegazione della sezione degli Altipiani della Croce Rossa, si sono portati quindi a Villa Pasquali, che ospitò un’unità chirurgica dell’Ordine dei cavalieri di Malta.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy