Salta al contenuto principale

L'Alpe Cimbra certificata "eco"

Lavarone punta tutto sul "green"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

Turismo lento, mobilità sostenibile, ambiente e territorio, prodotto locale, turismo esperienziale, sono questi alcuni temi importanti che il sindaco di Lavarone Isacco Corradi vuole portare avanti. Con Paolo Traverso, direttore del centro It, e Sandro Battisti, responsabile del progetto sulla mobilità autonoma, è stato siglato un  protocollo d’intesa  presso la sede della Fondazione Bruno Kessler di Trento che prevede una sperimentazione sul territorio di Lavarone e sull’Alpe Cimbra  di mobilità alternativa o semiautonoma. Una soluzione è ammettere in centro storico solo macchine elettriche, Lavarone, però, vuole fare di più, passare a creare un area in cui si respiri l’adeguamento agli accordi di Kyoto e Parigi, ma non solo vuole essere un esempio ed un laboratorio per il resto della provincia. Tra questi primi interventi c’è quello che riguarda l’illuminazione pubblica che sarà dotata di «limineed», strumenti a bassissimo consumo energetico. Questo intervento  verrà realizzato entro il 2020: saranno previsti lampioni intelligenti capaci di accendersi in anticipo in caso di bisogno.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy