Salta al contenuto principale

Pasubio, comitiva «scomparsa»

Allarme, trovati a notte fonda

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

Alla fine li hanno trovati e stavano tutti e tre bene. Di più: non erano mai stati in pericolo. Peccato che non si siano fermati un momento a riflettere, quando hanno cambiato i propri piani e non abbiano avvisato il rifugio che non sarebbero arrivati. L’avessero fatto, si fossero presi qualche minuto per cercare campo e fare una telefonata, non avrebbero allertato una ventina di persone, in cammino per l’intera notte, nel tentativo di cercarli. Perché tra sabato e domenica questo hanno fatto, i volontari del soccorso alpino della Vallagarina, e i pompieri di Terragnolo e Trambileno.

La comitiva - padre e due figli di Lodi - era partita dalla Val di Posina sabato mattina presto. L’obiettivo era quello di raggiungere la cresta del Pasubio e poi da lì, in quota, arrivare fino al Lancia. Un percorso non proibitivo, se si sa bene dove andare. Alla piccola comitiva qualche cosa è andato storto. Sono arrivati a Sella dei Campi Luzzi, quindi in quota, quando ormai erano le 20. Ma da lì al Lancia era quasi fatta. Lo sapevano. Quindi hanno avvisato il rifugio: hanno chiamato, dicendo che sarebbero arrivati di lì a circa 50 minuti. Che è il tempo medio di percorrenza di quel tratto, per altro non difficile nemmeno con la neve che a quell’altitudine c’è ancora. Quando però, dopo 2 ore, al rifugio non si vedevano ancora, è scattato l’allarme: impossibile impiegarci più tempo. Qualcosa doveva essere accaduto.

Da qui la mobilitazione dei volontari, una ventina in tutto.

Alla fine, quando ormai erano quasi le 3, la comitiva è stata trovata, ma in tutt’altra zona. Sbagliando il sentiero, si erano diretti molto più a valle, e sull’altro versante del Pasubio, quello che guarda verso la Borcola. Avevano raggiunto la malga Buse Bisorte, una struttura ormai in disuso che può essere però usata come bivacco. E quello avevano fatto loro: si erano accesi un fuoco e si erano preparati a passare la notte lì. Una volta che i volontari si sono assicurati che stessero bene, sono rientrati: i tre escursionisti non volevano nemmeno più essere riaccompagnati al Lancia.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy