Salta al contenuto principale

Lilli uccisa nel cortile di casa 

da una polpetta avvelenata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

«Zoppicava un pochino, ma sembrava una cosa che si sarebbe risolta. E invece la mia Lilli è morta perché qualcuno me l'ha ammazzata». Sara Conzatti di Pedersano parla pacatamente, ma quello che le è successo l'ha scossa profondamente perché Lilli, una cagnetta meticcia di tre anni e mezzo, è stata brutalmente avvelenata da qualcuno che ha gettato una polpetta avvelenata nel giardino di casa.

I fatti risalgono a domenica: la cagnetta zoppicava e aveva una zampetta infiammata. La sua padrona ha subito sentito il veterinario che ha promesso che l'avrebbe visitata il lunedì mattina presto. Purtroppo, quando a Lilli sono stati fatti gli esami del sangue, è emerso che l'animale era stato intossicato da una quantità importante di topicida. Tutti gli interventi per rimetterla in sesto, le flebo, i farmaci antiveleno, sono risultati inutili: nel primo pomeriggio, intorno alle 15.30, la cagnetta è morta.

Lilli era già stata intossicata tre mesi fa. In quel caso presentava i sintomi tipici da avvelenamento con vomito e sangue, ma è stata salvata dal veterinario che aveva provveduto a fornirle tutti i farmaci necessari. «Allora - spiega Sara - non avevo voluto credere che una persona fosse così crudele da volere la morte del mio cane, avevo creduto che Lilli avesse mangiato il boccone avvelenato per caso, e quindi non avevo denunciato il fatto. Ora la situazione è molto diversa, e chi voleva la morte della mia Lilli ci è riuscito».

La famiglia è comprensibilmente ancora sotto shock e la figlia di Sara, che ha 12 anni, è particolarmente scossa.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy