La tragedia / Le testimonianze

Rogo a San Donà, parla la donna al nono mese di gravidanza che si è salvata: “Ho visto la morte in faccia”

Dodici sfollati, struttura inagibile. La compagna di Silvano Franceschini, la vittima: “Tutti erano in cortile, mancava lui. Ho subito capito che era l’uomo che stavano rianimando”

FOTO Fiamme in una palazzina
VIDEO L'intervento dei vigili del fuoco
FATTI Paura a San Donà

di Marica Viganò

SAN DONÀ. Il dolore per la morte di Silvano Franceschini, ma anche la consapevolezza di essere sopravvissuti a un incendio che poteva avere contorni ancora più tragici. Il giorno dopo il rogo della palazzina di San Donà, costato la vita al pensionato 75enne, il racconto degli inquilini è toccante.

«Abbiamo fatto la conta delle persone, ma il signor Silvano non c'era. Ho provato a salire, ma nel giroscale c'era un muro di fumo, non respiravo più», dice Luca Renna con la voce rotta dalla commozione.

Fiamme in una palazzina di San Donà: muore un anziano

Incendio nel sobborgo di San Donà di Cognola, in una palazzina. Purtroppo si registra una vittima, una persona uccisa dal fumo mentre cercava di mettersi in salvo.



Sua moglie Simona, al nono mese di gravidanza, e la figlia di 11 anni portate in ospedale per una lieve intossicazione, stanno meglio. C'è chi si è salvato salendo sul tetto e chi uscendo sul poggiolo. Silvano Franceschini, invece, è morto soffocato sul pianerottolo mentre tentava di mettersi in salvo.

Tutto sull’Adige in edicola

comments powered by Disqus