Trento / Comune

"Rinascita dopo la pandemia, in una città aperta": ecco la ricetta della giunta Ianeselli

Presentata la "manovra di primavera": un assestamento di bilancio che promette azioni come l'abbattimento delle rette degli asili nido, il sostegno ai più fragili, il bonus affitti, contributi per le attività economiche, nuove piste ciclabili. Il sindaco: "L'idea centrale è riparare le ferite della pandemia e insieme quella di contribuire a trasformare la città per renderla più forte e più resiliente, inclusiva e farle ritrovare la sua anima sociale"

IL CASO La movida «buona» e quella «degrado»: parlano i gestori di via Calepina
LA PROTESTA "Sindaco, ci togli le panchine, noi ci sediamo lo stesso”
IANESELLI "Tanto è sempre colpa del sindaco"

TRENTO. Abbattimento delle rette degli asili nido, sostegno ai più fragili, bonus affitti, contributi per le attività economiche, nuove piste ciclabili, riqualificazione di tre edifici scolastici, percorso di visita delle torri della città (Civica, Verde, Tromba e Vanga), recupero della Barchessa sud, potenziamento del wellness a Manazzon, interventi sugli impianti sportivi.

Sono i punti principali della "manovra di primavera" presentata oggi dalla giunta comunale del capoluogo, con lo slogan "Trento aperta, azioni per la rinascita della città"

La proposta di assestamento di bilancio prevede 22,8 milioni di euro di investimenti e 4,2 milioni di spesa corrente.

"Questa mattina - si legge in una nota del Comune - nel salone di rappresentanza di Palazzo Geremia, il sindaco Franco Ianeselli e l'assessora Mariachiara Franzoia hanno presentato i contenuti dell'assestamento di bilancio che sarà discusso in consiglio comunale intorno alla metà di giugno.

È una manovra che parla alla città e alla sua capacità di rilancio - ha spiegato il sindaco - Non abbiamo impiegato tutte le risorse disponibili, perché abbiamo voluto lasciare un margine per poter accogliere anche le proposte che arriveranno dall'aula.

Nelle commissioni bilancio e capigruppo abbiamo trovato un grande spirito di collaborazione, dunque auspichiamo che anche in consiglio comunale il confronto sia costruttivo".

Di seguito, le premesse da cui parte la manovra, le cifre e i progetti messi a punto, come ha dichiarato l'assessora Franzoia, grazie a un "lavoro intenso e trasversale che ha coinvolto tutti gli uffici comunali e in particolare il servizio Risorse finanziarie". Trento è stata pesantemente colpita dalla pandemia, che ha moltiplicato i fattori di vulnerabilità sociale ed economica.

Oltre 260 famiglie hanno perso un congiunto, centinaia di persone sono rimaste senza lavoro, soprattutto donne e giovani con contratti a termine o atipici.

Molte attività economiche hanno chiuso, altre sono in forte sofferenza. Per mesi bambini, ragazzi e anziani hanno dovuto rinunciare alla socialità e adattarsi a un isolamento innaturale e non privo di conseguenze. È evidente che il Covid 19 è stato un trauma esteso all'intera città e alla quasi totalità dei suoi abitanti, seppure con ripercussioni diverse: un trauma collettivo che dunque non può essere affrontato e superato solo a livello individuale.



"Trento aperta", programma di azioni per la rinascita della città, intende promuovere un'alleanza tra Comune, associazioni e cittadini, tra Amministrazione pubblica e imprese per superare insieme la crisi legata alla pandemia.

Combinando iniziative e progetti diversi, "Trento aperta" inaugura una nuova stagione di politiche urbane, integrate e allargate, che hanno un triplice obiettivo: ricostruire la fiducia nel futuro e nelle potenzialità della città, che deve tornare ad essere dinamica, attrattiva e turistica, anche grazie a un programma straordinario di eventi diffusi generare valore nel territorio grazie alla combinazione di investimenti pubblici, contributi a fondo perduto e credito alle imprese rafforzare la coesione sociale facendo leva su interventi diversi: l'abbattimento delle rette dei nNidi a sostegno delle famiglie e della natalità; le facilitazioni per le associazioni che contribuiscono al benessere della comunità; il rilancio del fondo di solidarietà Città di Trento per intervenire in tutti quei casi in cui il disagio sociale richiede risposte immediate ed efficaci.

L'idea centrale di "Trento aperta" è quella di riparare le ferite della pandemia e insieme quella di contribuire a trasformare la città per renderla più forte e più resiliente, cercando di aiutare le imprese e la comunità a reagire e ad attrezzarsi per affrontare il futuro. Dunque non si tratta solo di far ripartire l'economia: l'obiettivo è dare una prospettiva a chi lavora, investe e scommette sul Trento e insieme contrastare le tante povertà del nostro tempo, la povertà economica certo ma anche quella educativa e culturale.

Trento deve ritrovare la sua anima "sociale", inclusiva e accogliente e diventare, ancor più di prima, la città delle possibilità, delle opportunità e della valorizzazione dei talenti".

Ecco, infine, per il lettore che volesse approfondire il tema,i numeri della variazione di bilancio (già approvata dal consiglio comunale) e della proposta di assestamento di bilancio, che ha avuto il via libera dalla commissione competente e sarà portata all'esame dell'aula di palazzo Thun nelle prossime settimane.

La manovra di primavera in cifre

Assestamento di bilancio

spesa corrente: 4,2 milioni di euro, spesa per investimenti 22,8 milioni di euro

Variazione di bilancio: 1,8 milioni di euro

  • Siamo comunità - Sostegno alle famiglie

Bonus per l'abbattimento delle tariffe dei nidi d’infanzia: circa 1 milione € (anno 2021: 370 mila €, anno 2022: 630 mila €). La retta ipotizzata andrà da un minimo di 40 € ad un massimo di 280 €. Con l’ulteriore riduzione prevista dal Bonus Inps la retta effettiva andrà da un minimo di 0 € ad un massimo di 140 €.

  • Siamo comunità - Per una città che non lascia indietro nessuno

Soggetti a rischio esclusione: per l'anno 2021 stanziati ulteriori 286 mila € per contributi al pagamento delle utenze e delle spese relative ad alimentari, vestiario, educazione sostenute da cittadini in difficoltà

Sostegno ai più fragili: rilancio del Fondo per la solidarietà Città di Trento con nuovo sito internet, facilitazione dei versamenti e campagne ad hoc di raccolta fondi

Bonus affitti: 500 mila € per sostenere le famiglie in difficoltà a causa della pandemia. Si tratta di un intervento aggiuntivo per i nuclei famigliari che non rientrano normalmente nelle fasce già destinatarie di aiuti. Politiche per la casa e politiche integrative saranno realizzate in funzione delle manovre statali e provinciali una volta note le risorse ed i beneficiari di queste misure

Avvio del confronto per aprire un ostello per i lavoratori

  • Siamo comunità - Rilancio dell'economia

Contributi per sostegno e riqualificazione attività economiche: 750 mila €. Bando per arredi, insonorizzazione e ristrutturazione dei locali

Facilitazione dell’accesso al credito. Alleanza tra Comune di Trento e Cassa Rurale di Trento per la ripartenza della Città

  • Siamo comunità - Per una città più sicura e vivibile

Sicurezza del cittadino: rafforzamento del presidio e dei controlli

Sistemi di videosorveglianza: aggiornamento tecnologico della piattaforma 300 mila €

Regolamentazione della convivenza

Attività del Nucleo operativo interservizi (Noi)

Intervento per migliorare la pulizia del centro

  • Siamo Giovani

Investimenti per la riqualificazione energetica di tre edifici scolastici:

Scuola media Comenius di Cognola 950 mila €

Scuola primaria di Ravina 1 milione 200 mila euro €

Scuola primaria Pigarelli di Gardolo 600 mila €

Giochi per bambini nei parchi 120 mila €

  • Investimenti - Territorio

- messa in sicurezza della frana in località Moià 1,1 milioni €

- messa in sicurezza del crollo roccioso Doss Trento 300 mila euro

- sistemazione dello svincolo via Brennero – statale Valsugana in località Canova 1,2 milioni €

- asfaltature 500 mila €

- sbarrieramento marciapiedi 288 mila €

- fognature in centro storico e via Pietrastretta 2 milioni 580 mila €

- piano neve 540 mila €

 

  • Investimenti - La città del futuro

Trento Lab, spazio per la partecipazione e la condivisione delle scelte urbanistiche e in tema di mobilità: allestimenti a Torre Mirana 50 mila €

Affidamento del Metaprogetto interramento ferrovia 200 mila €

  • Siamo in movimento

Pista ciclabile in via Perini 800 mila €

Percorso ciclopedonale Villazzano-Povo 900 mila €

Studio di fattibilità della ciclabile Mattarello-Romagnano

Ascensore verticale ulteriori 800 mila €

Progetto via Suffragio senz'auto (da luglio)

  • Siamo bellezza

Recupero edificio Barchessa sud 2,5 milioni €

Progetto Torri: intervento di manutenzione su Torre Verde e avvio da settembre di un percorso di visita delle 4 torri della città: Civica, Verde, Tromba e Vanga

  • Siamo sportivi

 

Nuova area wellness esterna al Lido Manazzon con sauna e bagno turco

600 mila € (1,1 milioni compreso il progetto già approvato)

150 mila euro per interventi sulla Blm Group Arena

1 milione e 800 mila € ad Asis per investimenti sugli impianti

Raddoppio contributi per associazioni sportive 288 mila €

  • Organizzazione e digitalizzazione

Risorse umane: 30 nuove assunzioni

 

Digitalizzazione degli archivi dell’edilizia privata e dell’archivio storico (700 mila euro in 4 anni)

Infrastrutture digitali

Iniziative già finanziate con la variazione di bilancio di maggio

Centri estivi per bambini

Attività ludico-motorie per i bambini e i ragazzi

Anziani: potenziamento assistenza domiciliare di “sollievo” (100 ore per 80 famiglie)

Minori: potenziamento interventi educativi a domicilio e servizi semiresidenziali

Trento aperta” iniziative per far vivere gli spazi pubblici e promuovere la coesione sociale. Sostegno a bar e ristoranti per eventi.

Iniziative già finanziate con il bilancio di previsione

971 mila € per lavori socialmente utili ed ex intervento 19

comments powered by Disqus