Salta al contenuto principale

Ragazzini terribili al parco

incendiano i rifiuti su un tavolo

ma li «becca» il consigliere

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

Hanno mangiato hamburger e patatine, poi dato fuoco alle confezioni. Erano le 22.30 di venerdì, al parco di Martignano. Testimone dell’accaduto è il consigliere comunale della Lega Vittorio Bridi, che stava parlando con un consigliere circoscrizionale nel vicino parcheggio e, alla vista delle fiamme, è subito accorso. «C’erano alcuni ragazzi e ho urlato loro: “Ma cosa fate?” Mentre questi scappavano nel parco, con una frasca sono riuscito a spegnere le fiamme».

Ieri mattina a Bridi, che nel frattempo aveva denunciato la vicenda con un post su Facebook, è arrivata la chiamata di un ragazzo: il giovane, che parlava anche a nome degli amici, si giustificava per l’accaduto spiegando che non era loro intenzione causare un danno alla collettività. Insomma, i ragazzi avrebbero scherzato con il fuoco nel vero senso della parola: forse non pensavano che i contenitori del fast food bruciassero così velocemente. Dal tavolo si era improvvisamente alzata una fiammata ed i giovani, spaventati, se la sono data a gambe.

Dopo una notte di riflessione e probabilmente dopo aver letto il duro post di Bridi ed i commenti che ne sono seguiti, gli amici hanno deciso di farsi avanti scusandosi per il guaio che hanno combinato. «Mi hanno contattato e già questo è un atto di coraggio: significa che si prendono le loro responsabilità - spiega Vittorio Bridi - Quei ragazzi non sono dei vandali, ma hanno fatto una bravata. Si sono resi conto di aver compiuto un’azione irresponsabile, e per questo hanno voluto spiegare l’accaduto scusandosi con me e con tutta la popolazione di Martignano, visto che hanno rischiato di distruggere un bene pubblico».

Il tavolo del parco è fortunatamente salvo. «Ho spento subito le fiamme, dunque non ci sono grossi danni, a parte il fatto che mi sono un po’ bruciato i pantaloni» chiude Bridi con una battuta. Ed evidenzia ancora: «Quei ragazzi si sono presi le loro responsabilità e ne va dato atto». Ma. Vi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy