Salta al contenuto principale

Gli rubano l'auto sotto il naso e deve pagare le multe del ladro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

Cornuto e mazziato. Detta così suona male ma il vecchio adagio, come sempre, è saggio e valido. E la conferma arriva da un cittadino che si è visto rubare la macchina praticamente sotto il naso - e già qui c'è di che arrabbiarsi - ma, nonostante le denunce e i processi celebrati, ha capito che lo Stato - inteso in tutte le sue sfaccettature - non è certo amico dell'italiano medio.

Perché oltre a rimetterci la macchina - e perdere tempo in tribunale e a sopprimere bestemmie poco omologate solo perché è una personcina a modo - si è pure visto recapitare una multa da 3.500 euro perché il ladro di turno - scoperto, processato e condannato, mica un ectoplasma - ha guidato e sfasciato l'auto in questione rubata senza pensarci un attimo e condotta senza aver mai conseguito la patente di guida. Troppo, per non infuriarsi, e troppo per non giudicare l'Italia - da un punto di vista istituzionale - come un coacervo di potenziali incapaci.

L'analisi potrà anche apparire dura ma la realtà, in questi casi, è peggio di una zecca attaccata alle parti ritenute nobili del nostro fisico. Il cittadino, purtroppo, è spesso vittima della, chiamiamola così, democrazia. E quanto è accaduto a Renzo Lorenzi è emblematico, soprattutto dello scollamento che c'è tra apparati dello Stato e italiani.

E stavolta il caso è grosso. Perché il furto della macchina - 15 mila euro di danni - ha portato le forze dell'ordine, che hanno agito subito e bene, qualcosa funziona nello Stivale, ad individuare e portare a processo il ladro. E questo è un merito dello Stato. Peccato, però, che il mariuolo ha guidato la «refurtiva» senza patente e poi si è schiantato. Fermato, processato e condannato e perfino segnalato per guida senza patente. Fin qui tutto «regolare». Peccato però che il derubato, oltre a non aver versato nemmeno un euro di risarcimento per l'automobile sottratta e devastata, si è visto addirittura recapitare a casa una multa da 3.500 euro (se pagata entro cinque giorni altrimenti raddoppia) proprio per la guida senza patente del ladro. Che, dopo la condanna, si è dato alla macchia, sparito nel nulla senza pagare danni né altro. Per questo lo Stato - che dovrebbe avere cura dei propri figli - ha girato il multone per il conducente improvvisato al proprietario dell'automobile nonostante la stessa fosse stata rubata e distrutta. Oltre ai danni, insomma, c'è pure la beffa e fa più male dei danni. Un intoppo insopportabile che mal si concilia con la richiesta ai cittadini di essere rispettosi delle leggi e del Paese.

È un paradosso? Altroché! Ma la legge e tutto l'apparato burocratico che si porta appresso vanno così. E a farne le spese sono, come sempre, i cittadini. Costretti a pagare oppure a vedersi pignorare i propri bene «perché la legge è legge».
«Eppure io la denuncia di furto della macchina l'ho fatta subito - contesta il diretto interessato - e ho pure testimoniato al processo dove il ladro è stato condannato e poi lasciato andare via. Ho perso la macchina, nessuno mi ha risarcito e mi sono persino visto recapitare una multa che non è mia. Non fatemi parlare perché è meglio».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy