Salta al contenuto principale

Anche Trento avrà presto

500 monopattini elettrici

in una flotta «sharing»

Via libera dal Comune, in funzione entro fine anno

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

Al pari delle principali capitali d’Europa, l’amministrazione della città di Trento prevede di portare entro l’autunno i monopattini elettrici in “sharing” nel capoluogo.

Lo ha reso noto, nell’ambito di una convocazione congiunta della Commissione urbanistica e della Commissione ambiente del Consiglio comunale di Trento, il dirigente del Servizio mobilità Tiziano Bonella, presentando gli interventi di micromobilità per fronteggiare la ripresa dall’emergenza Covid-19.

Gli uffici tecnici hanno già preparato un bando di selezione per portare all’interno dei confini cittadini fino a 500 monopattini elettrici, per un nuovo servizio attivabile semplicemente attraverso un’apposita applicazione per smartphone.

Contestualmente, nel corso di tutta l’estate proseguiranno i lavori per aumentare - in via sperimentale per la durata di un anno, prorogabile di un ulteriore anno - le piste ciclabili nel capoluogo, definire delle aree a velocità veicolare limitata e creare nuovi parcheggi di attestamento nelle zone a ridosso del centro, in modo da arrivare a settembre con una mobilità urbana completamente rinnovata, più attenta all’ambiente.

Il bando per i monopattini è pronto, e il servizio potrebbe essere attivo già entro il mese di ottobre. Al momento, sono in fase di studio i divieti all’impiego del mezzo, in particolare nelle aree della città maggiormente frequentate dai pedoni (come il centro storico e i parchi). Le limitazioni, in ogni caso, potranno essere implementate anche in seguito, dato che gli apparecchi possono essere controllati a distanza, e disattivarsi automaticamente nelle zone in cui è interdetto l’accesso.

Per quanto riguarda invece le nuove piste ciclabili, realizzate con interventi «leggeri» (spesso mediante la riduzione della carreggiata stradale o la riduzione dei posti auto), sono in fase di realizzazione quelle tra via Piave e Via Brigata Aqui, viale Rovereto e piazza Vicenza, via Barbacovi, via dei Molini, via Grazioli, via Pasubio e via Gerola, via Petrarca e via Acconcio, via Bettine e piazza Enzo Tortora.

Richiedono maggiori approfondimenti i tracciati tra viale Verona e via Menguzzato e di proseguimento lungo via Gocciadoro. Verranno invece istituite delle aree a velocità ridotta per mezzi a motore (30 chilometri orari) sopra piazza Vicenza, nei pressi del dipartimento di Lettere e di Economia, dell’ospedale San Camillo e a ridosso della zona a traffico limitato (Ztl), per una convivenza sicura tra biciclette e automobili.

Infine, verranno realizzati due parcheggi temporanei nell’area ex Italcementi e nelle vicinanze della sede di Trentino trasporti, in un piazzale inutilizzato.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy