Salta al contenuto principale

Addio ad Adelfo Bayr

il fotografo della città

 

Chiudi
Apri

@ladige

Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

E’ morto a Trento il fotografo Adelfo Bayr: aveva 79 anni. Un personaggio molto noto in città, dove lo si incontrava spesso - rigorosamente in bicicletta, sempre con la sua macchina fotografica al collo - ed era pronto ad immortalare la realtà del centro.

Nella vita faceva l’imbianchino, ma era un vero artista: nel suo appartamento alle “caserme” di Via Vittorio Veneto centinaia e centinaia di scatti, dai viaggi in Africa sulle orme dei giovani che si allenano e sognano di diventare campioni della corsa, agli Stati Uniti in bus, al Mediterraneo.

Ma era bravissimo anche nei ritratti, e nelle composizioni astratte: un auotodidatta, ma di grande talento.

La sua vita è stata lunga e avventurosa, dalla gioventù come calciatore (negli anni ‘60 fu lui il primo trentino convocato nella nazionale giovanile), ma anche come solista del Coro Dolomiti.

Un bravo artista. Ma soprattutto una persona mite, riservata, gentile con tutti.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy