Salta al contenuto principale

Tar, Carollo ko al primo round

no alla richiesta di sospensiva

i Mercatini di Trento sono salvi

Sconfitto sull'occupazione di suolo pubblico, il 14 dicembre altra udienza

Chiudi

Agostino Carollo, Carollo, Natale, Rovereto, elfi, Everness

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 34 secondi

Il Tar di Trento ha respinto questa mattina la richiesta di sospensiva, promossa da Agostino Carollo, sui Mercatini di Trento. Non si tratta di un giudizio di merito sull'affidamento dei Mercatini dal Comune di Trento all'Apt: il ricorso è stato infatti diviso in due parti. La prima sulla richiesta di Carollo che venisse annullato il diniego a lui inviato sull'occupazione del suolo pubblico di piazza Fiera e piazza Battisti. E questo è stato respinto.

Non si conoscono ancora le motivazioni, ma il primo risultato concreto è che i Mercatini si possono aprire, e quindi da dopodomani via al Natale di Trento organizzato dall'Apt per conto del Comune.

Il Tar si occuperà poi in altra seduta (il 14 dicembre) della seconda parte della questione, cioé l'affidamento da parte del Comune all'APT. 


 IL COMUNICATO STAMPA DELLA PRESIDENTE DEL TAR

Il ricorso relativo al mercatino natalizio di Trento è stato trattato per la fase cautelare nell’odierna camera di consiglio. All’esito, è stata respinta con ordinanza la richiesta di sospendere l’esecuzione degli atti impugnati (sostanzialmente, il diniego di occupazione suolo pubblico richiesta dalla società Everness).

Tale ordinanza, che chiude la fase cautelare ma non l’intero giudizio è, come prescrive la legge, motivata in ordine al “fumus” di fondatezza del ricorso e quindi dà atto dei motivi per i quali il Collegio ha ritenuto non sussistente una prognosi favorevole all’accoglimento del ricorso. Deve ancora essere decisa la domanda di sospensione dell’autorizzazione di occupazione del suolo pubblico rilasciata all’Azienda di Promozione Turistica, impugnata con separato atto di motivi aggiunti dalla società ricorrente, la cui trattazione non è stata oggi possibile per motivi strettamente processuali, legati al rispetto del contraddittorio.
Il ricorso, compresi i motivi aggiunti, sarà deciso nel merito in una prossima pubblica udienza, all’esito della quale sarà pubblicata la relativa sentenza.

Roberta Vigotti Presidente del TRGA di Trento Trento

 


LEGGI ANCHE: Stanchina: se saltano, danno da 15 milioni

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy