Salta al contenuto principale

La ladra nello scantinato

presa con le mani nel sacco

e arrestata dai Carabinieri

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

I Carabinieri della Compagnia Trento, impegnati nei quotidiani servizi di controllo del territorio, coordinati dal Comando Provinciale di Trento, l’hanno colta sul fatto e arrestata in flagranza di reato. È successo alle prime ore di ieri a Trento, in via Pietrastretta: una 25 enne di origine ucraina, dopo aver forzato la porta di ingresso, si è introdotta in un garage privato e si appropriava di alcune borse che contenevano materiale e vestiario per motociclista.

Il tutto, però, è stato notato dal proprietario che ha prontamente segnalato la presenza della ladra ai Carabinieri, che prontamente si sono recati sul posto.
La giovane “beccata con le mani nel sacco”, a seguito di un accurato controllo, è stata trovata, anche, in possesso di una discreta quantità di sostanza stupefacente di vario tipo.

I militari della Sezione Radiomobile, pertanto, hanno proceduto all’arresto della donna che, dopo le operazioni di rito, è stata trattenuta presso la Caserma di via Barbacovi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che nella mattina i oggi provvederà a giudicarla per il reato di furto aggravato con rito direttissimo.

La refurtiva, per un valore di seicento euro, è stata interamente recuperata e restituita all’avente diritto, mentre lo stupefacente rimane sotto sequestro. L’arrestata, dunque, è stata, anche, segnalata al locale Commissariato del Governo come assuntore di stupefacenti.

I controlli delle Compagnie Carabinieri, compresi quelli di Trento, volti a contrastare i fenomeni predatori e i furti, proseguono con l’usuale impegno. Al successo di questi, è evidente il ruolo fondamentale giocato dalle segnalazioni dei cittadini, siano essi vittime oppure soltanto testimoni di fatti illegali, se non inusuali o “strani”, che se riferiti prontamente, possono -come nella prima vicenda riportata- risolvere la situazione, consentendo di restituire il maltolto alla vittima e assicurare alla giustizia i responsabili.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy