Salta al contenuto principale

Anziana di 81 anni

aggredita e buttata a terra

per scipparle la borsa

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

Dopo l’aggressione con rapina avvenuta in via Bronzetti tra domenica e lunedì scorsi, il 25 e 26 agosto, ai danni di una signora di 94 anni, emerge un nuovo episodio. Bisogna, in verità, andare indietro nel tempo di circa due mesi: una donna di 81 anni, intorno ai primi giorni di luglio, è stata aggredita e scippata in via dei Molini, la strada parallela a via Grazioli a due passi dal centro storico.
«Tutto è avvenuto in pieno giorno, intorno alle 16 - ci conferma la donna che vive con il marito nella vicina via Zara -: stavo rientrando verso casa quando un ragazzo con un cappuccio in testa, penso molto giovane, mi ha strattonata per rubarmi la borsetta, spingendomi poi a terra. Nella caduta mi sono rotta due costole. All’ospedale sono rimasta solamente una notte, tra l’altro attendendo molto per essere curata, ma ancora oggi porto i segni di quel fatto, visto che devo fare delle infiltrazioni e ho ripreso a camminare bene solo qualche giorno fa. E poi ci sono gli strascichi psicologici».
La signora, che è mamma e nonna, ci racconta tornando con la mente a quel brutto episodio.
«Poi mi hanno portata in ospedale con l’ambulanza e ho chiamato i miei parenti. Se successivamente ho sporto denuncia? Certo, sono andata con mio figlio in questura e poi anche in comune per capire se avessero per caso ritrovato i documenti che avevo nella borsa in modo da non doverli rifare. È stato veramente un brutto episodio, non lo auguro a nessuno. Per fortuna ho i miei nipotini che sono la mia gioia».
Un racconto, come dicevamo all’inizio, inquietante. Fortunatamente, come conferma il commissario del governo nell’intervista qui a lato, le forze dell’ordine stanno lavorando sodo sia nella direzione della prevenzione sia nel dare la caccia a chi si è resto protagonista di questi reati.
Ieri pomeriggio, in ogni caso, nella zona di via Zara dove vive la signora aggredita due mesi fa, c’era grande tranquillità. Anche i vicini di casa della donna ci hanno parlato di una zona molto tranquilla, di notte e di giorno, senza segnalare particolari episodi. Episodi che, tuttavia, accadono e verso i quali bisogna continuare a tenere altissima l’attenzione, per evitare che si possano ripetere.
Trento vuole continuare a essere una città sicura, nella quale tutti i cittadini possono vivere in serenità in ogni quartiere.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy