Salta al contenuto principale

Vandali sempre più odiosi

In azione contro l'Anffas

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 4 secondi

Si trattava del classico progetto bello, applaudito da tutti, utile, apprezzato, educativo. Un’idea che insegnava il rispetto e sensibilizzava, a costo praticamente zero. Eppure qualcuno ha pensato bene di distruggerlo, nella notte tra venerdì e sabato. Stiamo parlando della toilette per cani, l’aiuola trasformata in un bagno per quattro zampe in corso Buonarroti a Trento. Inaugurata pochi mesi fa, a fine marzo, era frutto di un lavoro ideato da Anffas in collaborazione con Dolomiti Energia, Beni Comuni del Comune di Trento, Cooperativa La Sfera, oltre a tante persone e agli esercizi commerciali della zona.
«Hanno sradicato il cartello e l’hanno lanciato, poi distrutto il cancelletto di ingresso. Un bruttissimo gesto contro un’opera che insegnava proprio il senso civico».

A raccontare è Maurizio “Mene” Menestrina, coordinatore di Anffas e inventore di un altro bellissimo progetto, “pesce grazie”.
«Mi hanno chiamato dall’Angolo del Pane di Tecchiolli, dicendomi di aver trovato tutto a terra. Per fortuna gentilmente hanno raccolto tutto e appena possibile lo ricostruiremo».

L’aiuola recintata rappresentava un messaggio educativo per i proprietari dei cani e ha aiutato a tenere pulita la strada, evitando soprattutto agli utenti di Anffas in carrozzella di fare slalom e dribbling tra le deizioni degli animali. «Vengono usati oltre cinquanta sacchettini alla settimana, ci ha detto Dolomiti Energia: ognuno rappresenta un escremento in meno sulla strada».

Un gesto vandalico, quindi, inqualificabile, che ha colpito direttamente i ragazzi di Anffas della residenza di via Buonarroti.
Scossa per l’accaduto anche la consigliera provinciale Paola Demagri, che che qualche settimana fa è stata in visita al centro ed ha conosciuto gli ospiti e i responsabili.

«È un vandalismo apparentemente come tanti, ma profondamente diverso perché ad essere colpiti questa volta sono stati i ragazzi disabili. Il centro è un esempio di convivenza con la città e la creazione della struttura esterna per cani, curata dagli stessi giovani, è un esempio di come il centro si relazioni con il vicinato. Il progetto condiviso con il Comune e Dolomiti Energia è nato per riqualificare un’area che era trascurata, che è stata trasformata in uno spazio a servizio dei cittadini. Un gesto vile che tuttavia non fermerà il progetto e la caparbietà dei ragazzi e del coordinatore Maurizio Menestrina di creare bellezza. La politica certamente deve essere al fianco di queste esperienze e condannare senza appello chi rovina il lavoro di queste persone speciali. Personalmente assicuro che tornerò a trovare i ragazzi nei prossimi giorni, ed invito anche l’Assessora Segnana a ritirare il “pesce grazie”».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy