Salta al contenuto principale

Lavoratrici della casa di riposo

fotografate a fine turno

da uno sconosciuto: denuncia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

Dipendenti fotografate a fine lavoro, non appena superato il cancello che dà su via Aeroporto. Per alcune donne occupate nella casa di riposo Stella del Mattino di Gardolo l'uscita dalla struttura a fine turno sta diventando un incubo: colpa dello sconosciuto che si apposta all'esterno della struttura per "catturare" la loro immagine mentre si avviano verso casa in auto o raggiungono a piedi la vicina fermata dell'autobus. Non sono suggestioni, ma è un dato di fatto. Lo evidenziano i sindacati e ora anche la polizia locale di Trento ha avviato le indagini. 

La denuncia, circostanziata, è stata inviata nei giorni scorsi dalla Uil agli agenti del comando di via Maccani. Sotto accusa ci sono infatti le gesta di un soggetto - un uomo adulto - che a quanto pare non troverebbe di meglio da fare che posizionarsi in bella vista in via Aeroporto, fotografando appunto le dipendenti della casa di riposo alla fine dei turni di lavoro. Una situazione psicologicamente insostenibile per le molte donne impiegate nella struttura.

A nulla sarebbero valse le rimostranze delle donne verso l'uomo, che ha continuato nel tempo a farsi vedere in strada, imperturbabile; una presenza dai contorni piuttosto inquietanti che, visti gli orari tardo-serali, inevitabilmente impaurisce. «Il problema si manifesta soprattutto all'uscita dal turno serale, fra le 20.45 e le 21.20, un'ora in cui fino a poche settimane fa era buio» viene specificato dal sindacato.

Pare che il soggetto non si preoccupi molto di essere visto, dato che le foto verrebbero "rubate" alle dipendenti anche a metà giornata «fra le 14.30 e le 15», come recita il circostanziato comunicato della Uil Fpl. Gli atti, contro cui più di una dipendente ha cercato di opporsi fino ad oggi senza una soluzione, sono stati resi noti dalla segretaria del sindacato, oltre che alle forze dell'ordine, anche all'amministrazione della casa di riposo per i necessari provvedimenti. Dunque, sono partiti i controlli. Da capire il motivo che spinge l'uomo a scattare le fotografie alle dipendenti. Potrebbe farlo per un "vizio", per una sorta di mania della fotografia, ma non si esclude che il suo fine potrebbe proprio essere quello di infastidire le donne, o forse una in particolare.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy