Salta al contenuto principale

Stop al consumo di alcol

nei parchi della città

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

Il divieto di consumo di alcolici nei principali parchi della città sarà totale, non più limitato alle zone prossime ai giochi per bambini.

Sulla proposta avanzata dal Movimento 5 Stelle, c’è un consenso ampio. Il sindaco Alessandro Andreatta si è impegnato a «tradurre» l’indicazione in delibera. Lo ha annunciato ieri sera, nella riunione della Commissione capigruppo.

I consiglieri comunali del del M5S avevano presentato un ordine del giorno specifico, che il Consiglio ha però chiesto di ritrattare in Commissione capigruppo. E così è stato. Si tratta di modificare il Regolamento di polizia urbana, che all’articolo 86 bis stabilisce che «sono vietati la detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) ed il consumo di bevande alcoliche di ogni gradazione nei parchi e giardini del territorio comunale sono sono presenti aree attrezzate per bambini e/o sportive, in tutta l’area se l’ampiezza è inferiore a 1.600 m², all’interno e nel raggio di 20 metri dal limite esterno delle aree attrezzate per bambini e delle aree sportive».

Alla riunione dei capigruppo, il sindaco si è presentato con Mauro Eccel, funzionario del Corpo di polizia locale Trento Monte Bondone. Con la delibera, Andreatta si è impegnato ad individuare i parchi e giardini cittadini dove il divieto sarà totale. I principali indiziati, per i problemi già presentati, sono le aree verdi di Piazza Dante, Predara, San Marco, Santa Chiara, Maso Ginocchio e Piazza Centa. L’attuale regolamento prevede una sanzione amministrativa da 54 e 324 euro, oltre al sequestro della bevanda alcolica.

Nella riunione dei capigruppo, si è inoltre stabilito che le sedute del Consiglio comunale della prossima settimana saranno riservata alla discussione degli ordini del giorno collegati al bilancio, proposti prima di Natale (sia da consiglieri di minoranza, sia di maggioranza), ma rinviati in quanto ritenuti non ammissibili e non condivisi dalla Giunta.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy