Salta al contenuto principale

Gilmozzi: sì alle guardie giurate sui mezzi pubblici

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

BUSTRENTO - Nella lotta ai passeggeri che oltre a non pagare il biglietto per le corse a bordo dei mezzi pubblici con i loro comportamenti costituiscono una minaccia per la sicurezza, la Trentino Trasporti potrà utilizzare anche guardie giurate. Lo ipotizza l'assessore provinciale Mauro Gilmozzi nella sua risposta a un'interrogazione del consigliere Rodolfo Borga (Civica Trentina).

 

Nell'interrogazione (leggi il pezzo) il consigliere aveva anche denunciato il comportamento inaccettabile di passeggeri che, oltre a non avere il biglietto, minacciavano i controllori fino ad arrivare all'aggressione fisica. Nella risposta l'assessore spiega che a livello nazionale il contrasto all'evasione tariffaria, stimato in circa 450 milioni di mancati ricavi per le aziende, è al centro del "ddl trasporti" di prossima approvazione, concertato tra Ministero e Regioni.

 

In particolare il disegno di legge prevede "che le attività di accertamento dei titoli di viaggio possano essere svolte anche da guardie giurate o da personale con la stessa qualifica appartenente ad istituti di vigilanza privata cui le aziende gerenti pubblici servizi di trasporto abbiano affidato lo svolgimento di servizi di sicurezza sussidiaria".

 

Oggi, spiega Gilmozzi, per la verifica delle violazioni a bordo dei mezzi pubblici non è possibile ricorrere a questi soggetti che però "in contesti specifici (non dovendosi immaginare una "militarizzazione" del servizio di trasporto) potrebbero essere un utile strumento nei casi segnalati anche recentemente". 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy