Salta al contenuto principale

Leonardi autonomista, dice sì al Patt

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

sonia leonardi miss italia sfilata modelleSonia Leonardi, imprenditrice e manager che organizza il concorso di Miss Italia in Trentino, sarà candidata nella lista del Patt alle prossime elezioni provinciali. Il suo nome era già circolato nei mesi scorsi come possibile novità autonomista, ma solo negli ultimi giorni si è concretizzata l'ipotesi, ora che le Stelle alpine stanno chiudendo la rosa delle candidature della lista che sosterrà il candidato presidente Ugo Rossi.
Proprio mentre il Pd, alleato di coalizione, innesca una polemica su Miss Italia e la consigliera provinciale Margherita Cogo presenta un emendamento alla Finanziaria, firmato da tutto il gruppo, per escludere i concorsi di bellezza dalle manifestazioni finanziate da Trentino Marketing, ecco che il Patt sceglie proprio l'organizzatrice di Miss Italia come donna di punta nella sua lista. Il segretario Franco Panizza, sta cercando di allargare il consenso della lista autonomista coinvolgendo volti nuovi e anche persone, possibilmente note o popolari, che non appartengono ai tradizionali mondi di riferimento del Patt. In questa logica si inserisce la scelta di Sonia Leonardi che oltre tutto ha origini nonese come il segretario autonomista ed ex assessore provinciale alla cultura. Sempre tra i volti nuovi di donna ci sarà pure  Flavia Angeli , imprenditrice ed esponente dell'Associazione artigiani trentina, mentre per tornare alla tradizione autonomista ci sarà in lista anche  Giuseppe Corona , vicecomandante della Federazione degli Schützen, nonché lo storico  Lorenzo Baratter , presidente del Museo storico degli usi e costumi di S.Michele. Tra i nomi forti del partito ci saranno il mocheno  Diego Moltrer , recordman di preferenze alle elezioni per la Comunità di valle, che potrebbe contendere i voti della Valsugana e l'elezione al capogruppo provinciale uscente  Michele Dallapiccola , che è di Civezzano, nonché al presidente del Patt,  Walter Kaswalder . E poi ci saranno  Graziano Lozzer , sindaco di Valfloriana ed ex presidente provinciale degli Agritur, e  Andrea Paternoster , presidente dell'Apt della val di Non. Probabili poi anche le presenze di  Carlo Ganarin, Chiara Vanzo, Giuseppe Bonenti  e  Marco Toccoli  degli albergatori del Primiero. Ci sarà pure  Roberto Bettinazzi , vicepresidente della Comunità della Vallagarina nonché per anni presidente dell'associazione pescatori. Scontata è la ricandidatura di  Caterina Dominici , che nel 2008 prese più voti dell'allora segretario del partito Rossi, mentre al momento il Patt sta incontrando difficoltà a trovare altri nomi di donne di «peso», visto che la legge prevede l'obbligo di un terzo di candidature femminili. L'assessore alla solidarietà internazionale  Lia Beltrami Giovanazzi , ex Udc, oggi leader del movimento la Stella, che ha sostenuto Rossi alle primarie avrebbe voluto essere ripagata con un posto in lista, ma dalle sezioni del Patt c'è stata una levata di scudi obbligando ora Beltrami a cercare di mettere insieme una sua lista che ha già incontrato le proteste dell'Upt. Tra gli esponenti di altri partiti che hanno portato voti a Rossi alle primarie e cambiato casacca ci sarà anche  Roberto Stanchina , già segretario del circolo Pd di Ravina.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy