Salta al contenuto principale

A Borgo Sacco la bancarella:

il Comune è già in "fase 2"

ma con le transenne davanti

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

È tornato da venerdì al suo posto dopo quattro venerdì di stop il banco di frutta e verdura del mercato rionale di Borgo Sacco. Il primo ad iniziare la “Fase 2” dei mercati per Rovereto. Ha iniziato a metà, a dire il vero, perché di solito c’è anche un banco rosticceria che vende polli arrosto vicino a lui, ma quel tipo di vendita ambulante non è fra le attività che possono riaprire in questo momento essendo di fatto paragonata alla ristorazione. Al tempo venne infatti chiusa anche prima della vendita di alimentari.

Così in piazza manifattura a Borgo Sacco ieri mattina è arrivato con frutta e verdura, come accade tutti venerdì mattina negli ultimi quattro anni, solo Antonio Decuzzi. Guanti e mascherina per sé, sul banco i cartelli che avvisano i clienti di mantenere le distanze e non toccare la merce. Tutto a posto, almeno per i vigili che sono passati a controllare che tutto andasse per il verso giusto in questo primo giorno di ritorno del mercato. Ma in capo a mezzora dall’apertura è arrivata una lavata di capo dal Comune: mancano le transenne di ferro davanti al banco con la merce esposta. Si sono poi posizionate nel giro di poco tempo queste transenne, e il resto della mattinata è andato liscio, ma il qui pro quo dà l’idea dell’incertezza del momento e dell’avvio di questa Fase 2 sia per gli operatori che per gli amministratori.

«Ho chiamato prima di venire, per accertarmi delle misure di sicurezza che erano richieste - spiega, dietro al suo banco, Decuzzi - di transenne non mi hanno parlato. Comunque ogni Comune fa un po’ a sé, anche per noi capire cosa fare è difficile. Sicuramente è confusionario: anche in questi due mesi di lockdown non tutti hanno seguito le stese regole. Qui mi hanno fermato per quattro venerdì, invece a Malé e Dimaro, per esempio, ho continuato a fare mercato senza mai smettere». E sulle transenne, un pensiero personale dopo qualche ora di utilizzo: «A dire il vero, credo che siano più pericolose che utili - spiega Decuzzi – la merce i clienti non la toccano comunque, la vedono benissimo e la prendo in mano solo io. Con la transenna però si sporgono tanto che va a finire che qualcuno mi cade sul banco. Per non parlare delle cadute: guardano la merce e si inciampano nei piedi in ferro. Tutto sommato, credo che toglierle sarebbe meglio. Ma non voglio sindacare con il Comune, esprimo solo un pensiero. Se devo metterle, le metto».

Transenne o meno, i residenti ieri erano contenti che il verduraio fosse tornato in piazza: senza ressa ma con regolarità i clienti, anche loro “guantati e mascherati”, per tutta la mattina sono andati in cerca di merce fresca al banco di Decuzzi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy