Salta al contenuto principale

Calcio in lutto:

addio all'arbitro

Bruno Perottoni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

Il coronavirus colpisce tutti, anche gli sportivi. Rovereto e la Vallagarina piangono un arbitro simbolo della zona, Bruno Perottoni.

Tant’è che la sezione di Rovereto dell’Aia, l’associazione degli arbitri, ha perso domenica un pezzo della propria storia: è venuto a mancare, come detto, Bruno Perottoni, storica giacchetta nera del Trentino.
«Bruno è stato per tutti questi anni un vero e proprio papà per tutti noi, un motivatore per i giovani arbitri, un formatore a tutti i livelli, un riferimento per l’intera sezione». Lo ricorda così la sezione Aia di Rovereto e della Vallagarina.

Una famiglia, la sua, dove l’arbitraggio è sempre stato di casa, una sorta di eredità tramandata da padre in figlio. Bruno lascia la moglie Pina, la figlia Tullia con il genero Francesco Cirillo e il figlio Armando, oltre al fratello Gianni, anch’egli arbitro negli anni Novanta.

Bruno Perottoni, di Marco, era arbitro dal 1977, dopo una carriera sui campi giovanili è stato componente Cra, referente regionale del calcio a 5, osservatore Can 5, presidente di sezione e oggi parte del settore tecnico in qualità di mentor per il calcio a 5.

«Ma più di tutto questo, - lo ricorda la sezione lagarina delle giacchette nere - Bruno Perottoni era per tutti noi un collega, un amico che ha sempre avuto gli arbitri nel cuore, una passione davvero vera e concreta. Una persona sempre pronta al sorriso ed è con il suo stesso sorriso che tutta la sezione di Rovereto vuole ricordarlo, stringendosi tutti insieme ai suoi cari in un caloroso abbraccio».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy