Salta al contenuto principale

Stefania, alpinista in carrozzina
«Niente drammi, niente scuse
Fate come me e sudate in casa»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 34 secondi

«A quelli che dicono che non ce la fanno a restare chiusi in casa, lo dico chiaramente: io sono stata in rianimazione, sono stata intubata, ed ora la cosa giusta è proprio cercare di aiutare il più possibile chi è in prima linea. Quando i sanitari dicono “noi in corsia, tu a casa”, questo è il minimo che possiamo fare».

Stefania Galvagni , 40 anni, è un’alpinista. Lo è rimasta anche dopo il tremendo incidente in montagna che il 28 giugno 2005 l’ha messa in serio pericolo di vita e le ha fatto perdere l’uso delle gambe. Quando i medici le hanno detto che non sarebbe stata più quella di prima, lei ci ha pensato un po’ su, e poi ha risposto: «Io sarò meglio di prima».

Stefania, come te la passi in isolamento forzato?

«Io abito qui a Rovereto, in via Benacense, e quando ho saputo che non avrei più potuto uscire, come tutti mi sono molto abbattuta, ho anche pianto. Ma poi ho capito che bisognava reagire, e darsi da fare».



Come era il tuo allenamento?

«Due volte in settimana in piscina, e due in una palestra dedicata dove alternavo allenamento e fisioterapia. È stato grazie alla bravura e alla pazienza di chi mi sta intorno, e anche alla mia testardaggine, che ho fatto progressi impensabili. L’incidente era stato davvero brutto, ma il Soccorso alpino e i sanitari sono stati perfetti: comunque ho dovuto stare in rianimazione, mi hanno intubata due volte, e poi ho fatto sei mesi di riabilitazione a Villa Rosa. Mi avevano detto che non avrei più camminato ma, usando il tutore e mantenendomi allenata, ho ripreso a fare sport, anche il monosci, e perfino ad arrampicare».

E adesso?

«Seguo tutte le indicazioni: esco solo una volta in settimana per andare a fare la spesa qui sotto, con guanti e mascherina. Certo, mi piaceva andare in ciclabile, ma con una situazione così critica, proprio non me la sentirei. Come si fa a essere spensierati mentre c’è chi è in ospedale tra la vita e la morte? Io resto a casa, e le risorse per tenermi in forma ci sono: uso qualche peso, e se non ci sono quelli si possono usare le bottiglie, e poi faccio gli esercizi che ho imparato in palestra. So che sono sessioni di allenamento intense, mirate a chi fa arrampicata a livello alto, ma quando le condivido sui social, chi mi conosce mi dice che posso essere d’esempio. E questo mi dà soddisfazione».

Non soffri di solitudine?

«Sono anni che voglio cavarmela da sola. E adesso, è ovvio che mi manca il rapporto umano, ma l’altra sera sono uscita sul mio balcone, era buio e silenzioso e c’era vento. Ho chiuso gli occhi e mi sono sentita come se fossi in mezzo ad un bosco, come se fossi stata in montagna, verso il Becco di Ceriola. È stato bellissimo».

Cosa ti spaventa? E ti rincuora

«Mi fanno paura queste persone che vivono come un dramma il dover stare a casa: bisogna saper reagire. Non è vero che non può più fare sport, il presidente Conte non ci ha mica tolto le gambe! D’altra parte, ho visto gente che ha più tempo, è meno stressata, per certi versi è migliore. E anche alla natura fa bene non averci tra i piedi per un po’: questo virus ci ha insegnato che siamo vulnerabili, e che le nostre decisioni devono essere responsabili».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy