Salta al contenuto principale

Rischio bombe e amianto

sotto l'asilo all'ex Alpe

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

Sembrava tutto a posto ma sul futuro della scuola d’infanzia di Borgo Sacco all’ex Alpe di viale Vittoria rimane ancora la spada di Damocle della Seconda guerra mondiale. Perché lì sotto, a demolizione avvenuta, potrebbero esserci souvenir dei bombardieri americani. E proprio lì dove dovrebbero arrivare i pargoletti del quartiere per imparare, formarsi, socializzare, giocare.

Per la pulizia totale dell’area, il Comune ha messo sul piatto 940 mila euro ma all’appello ne mancano ancora 470 mila. E sono interventi necessari visto che devono scongiurare la presenza di bombe sottoterra e, una volta arrivato il cinematografico «libero», l’eliminazione totale di qualsivoglia fonte di inquinamento. Insomma, come è giusto che sia tutto deve essere lindo visto che sopra ci passeranno del tempo i bambini e ci sarà pure il parco.

Questo supplemento d’opera, fondamentale prima di costruire, durerà circa quattro mesi, il tempo necessario per mettere sul tavolo la progettazione definitiva del nuovo asilo e quindi andare a gara. La struttura ospiterà cinque sezioni per un totale di 135 bimbi ed un nido di 66 posti e costerà 7 milioni 330 mila euro.

La scuola, ridimensionata nel frattempo per il calo demografico, resta comunque un intervento edilizio di pregio: materna al pianterreno e nido al primo piano per una superficie di 834 metri quadrati, rampe sbarrierate, terrazza a portico con un giardino dedicato, grandi aule luminose e spazi per laboratori e momenti ludici d’insieme. Il tutto immerso in un grande giardino, anche per dare una risposta ai saccardi che si erano mobilitati con tanto di referendum per chiedere a gran voce un’adeguata zona verde attrezzata con giochi inclusivi e percorsi ciclopedonali. Nel progetto è previsto anche un parcheggio interrato da 24 posti con accessi protetti.

Prima di veder sgambettare i piccoli, però, serve eliminare eventuali ricordi della guerra. E Sacco, a metà anni Quaranta del secolo scorso, è stata particolarmente colpita.

Il pericolo di imbattersi in residuati bellici è dunque concreto. Tant’è che a seguito dell’ultimazione dei lavori relativi al primo lotto - quelli che hanno interessato la rimozione di pavimentazioni, fondamenta e cisterne interrate - si è provveduto ad effettuare una prima ricognizione dell’area con strumenti di rilevazione ferromagnetica. Durante questa operazione si sono riscontrate elevate interferenze di natura ferro-magnetica superficiale che non consentono di avere garanzie significative in merito alla presenza o meno di ordigni della guerra infilatisi fino a cinque metri di profondità.

Si è quindi reso necessario scavare e rimuovere almeno l’intero tratto superficiale (minimo un metro) su tutta la zona interessata. La segnalazione degli strumenti circa le concentrazioni ferro-magnetiche, ovviamente, non permette di discernere tra la presenza di eventuali bombe e quella di materiali di risulta di derivazione antropica depositati nel corso degli anni durante le attività industriali dell’Alpe. L’eventuale sorpresa bellica, comunque, non è la sola preoccupazione del Comune. Nel corso della demolizione e della pulizia, infatti, ci si è imbattuti in amianto, depositato intorno alle cisterne. Il materiale tossico è stato rimosso e smaltito ma rimane il dubbio di una potenziale presenza nell’area circostante. Avanti, dunque, con un supplemento di bonifica.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy