Salta al contenuto principale

Il Natale di Rovereto

lo organizzerà la "0464"

ko Carollo e Consorzio

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

Altro giro di valzer per il Natale di Rovereto: a tre mesi dall'avvio dei Mercatini, è finalmente andato in porto il bando di gara con l'assegnazione (che, per dire, a Trento non si fa). Ha vinto la cooperativa 0464, con il progetto «Natale di luce» proposto dalla vicepresidente Daniela Caresia e dalla presidente Patrizia Andreatta. Mentre Agostino Carollo, sconfitto, non ne fa un dramma: "La mia azienda non lavora solo qui e per il Natale, perdere un bando ci sta. L'immportante è che ci sia stata una gara d'appalto pubblica, come deve essere".

Bisognerà ora recuperare il ritardo, e capire cosa vogliono i commercianti del centro storico. Tocca capire, d'ora in poi, quale sarà il ruolo e la forza del consorzio InCentro, che sul natale cittadino riponeva tante delle proprie speranze, per un rilancio dopo i tempi bui. Perché è inutile nasconderselo: il consorzio ha in atto una serie di iniziative. Ma è sul natale che storicamente ha costruito la propria immagine (e ha ottenuto i contributi conseguenti). 

Se la coop 0464 è entusiasta e Carollo si dice contento del risultato del bando, decisamente meno euforico è Massimo Moschini, presidente del Consorzio InCentro. Che chiama in causa le scelte dell'amministrazione comunale. «Mesi fa avevamo mandato il nostro progetto in Comune, dando disponibilità ad organizzare il Natale, sulla scorta di 15 anni d'esperienza. La politica poteva andare ad affidamento diretto, come accade in tutte le città d'Italia. Ha deciso di non farlo ed ora, per il secondo anno, abbiamo un Natale, su cui contano 700 aziende, organizzato da un ente che lo fa per la prima volta». Il senso delle sue parole è chiaro: di come andrà il Natale 2019, risponderà la politica. Non si potrà chiamare fuori, perché c'è stato un affidamento ad un ente terzo (Per altro il medesimo discorso vale per l'anno scorso, e per gli anni precedenti).
Nelle parole di Moschini si sente il rammarico, e anche la delusione: «Prendiamo atto che la commissione ha valutato migliore il progetto di coop 0464, complimenti a loro. L'unica cosa che dispiace è che non è stata presa in considerazione l'esperienza e la provata capacità di gestione di un evento di questo tipo. Collaborare? Vedremo. Ma per ora mi viene da dire che hanno vinto il bando, facciano il meglio possibile per la città».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy