Salta al contenuto principale

Lascia la bimba in auto,

madre alla sala giochi:

Rovereto, denunciata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 21 secondi

Ha lasciato la sua bimba di 16 mesi in auto per una ventina di minuti, per andare in sala giochi. Questa l'accusa che ha procurato a una donna lagarina una denuncia a piede libero per abbandono di minore, di cui dovrà rispondere ora alla procura.
La vicenda risale al 24 gennaio scorso, e ad occuparsene è stata la Guardia di Finanza di Rovereto, guidata dal comandante Venerando Sorbello: le Fiamme gialle sono state chiamate sul posto e hanno poi cercato di ricostruire cosa fosse davvero accaduto.  

Tutto è cominciato, come spesso accade in questo tipo di episodi, perché alcuni clienti dell'area commerciale di via del Garda hanno notato una bambina piccola, pur seduta dietro nel suo seggiolino, ma da sola in una macchina. L'auto - parcheggiata nell'area di sosta di fronte al Millennium - era stata lasciata accesa, e i finestrini erano in parte abbassati. Alcune persone, rendendosi conto che in giro non c'era né la mamma né il papà della bambina, si sono preoccupati, e hanno deciso di restare a dare un'occhiata, per assicurarsi che non accadesse nulla alla piccola: con l'auto in moto, ma soprattutto aperta, poteva pure accadere qualcosa di davvero pericoloso. 

In quel frangente da via del Garda stava passando una pattuglia della Guardia di Finanza, impegnata nel normale servizio di vigilanza. A loro queste persone si sono rivolte, per chiedere un intervento, in una situazione che non sapevano gestire. A questo punto la faccenda si è movimentata. Quando le fiamme gialle si sono avvicinate all'auto e hanno iniziato a prendere il numero di targa, è arrivata la mamma della bambina, ed è salita in auto per andare via. La finanza l'ha quindi identificata, prima di farla tornare a casa e iniziare i successivi accertamenti. E sono stati quelli a lasciare perplessi.  

Nei giorni successivi i militari hanno guardato le telecamere presenti nella zona, e soprattutto hanno ascoltato i testimoni che erano nell'area al momento dei fatti. Dai racconti emerge che la donna si sarebbe allontanata dall'auto per una ventina di minuti, per andare in una sala slot. C'è in particolare un testimone che dice di averla vista uscire dalla sala giochi, proprio prima che arrivassero nel piazzale i finanzieri. Un dettaglio questo che non fa pensare bene. Ma a onor del vero nulla dice rispetto a cosa la donna stava facendo, mentre la sua bambina era sul seggiolino in auto: saranno eventualmente gli accertamenti che deciderà di fare la procura a dimostrare se la donna stesse giocando o se al contrario fosse entrata per tutt'altra ragione nel locale e per quanto tempo. Quel che è certo è che è finita nei guai: la Finanza ha fatto quel che doveva fare. L'ha denunciata a piede libero per il reato di abbandono di minore. Ora la donna dovrà rispondere alla magistratura sul perché aveva lasciato la bimba in auto, con la macchina accesa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy