Salta al contenuto principale

Arco: i Carabinieri arrestano lo spacciatore, il cane antidroga trova l'hashish in casa sua

carabinieri, Arco
Chiudi

carabinieri, Arco

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

ARCO - Continua il contrasto alla delinquenza nell’area rivana, nel settore dello spaccio di stupefacenti, i militari della Compagnia di Riva del Garda hanno registrato stamane la convalida presso il Tribunale di Rovereto dell’arresto di B.M., 23enne, nel cui appartamento durante il fine settimana, i Carabinieri della Stazione di Arco, con l’ausilio di “Heni", unità cinofila antidroga di Laives (BZ), hanno effettuato una perquisizione, rinvenendo 65 grammi di hashish, un bilancino di precisione e 300 euro in contanti, ritenuti verosimile provento dell’attività di spaccio. Il controllo presso l’abitazione del giovane era stato promosso per il continuo e anomalo movimento di autovetture e ragazzi nei pressi dell’area residenziale del centro di Arco, dove si trova l’immobile, tanto che - dopo un breve monitoraggio - i Carabinieri hanno deciso di entrare in azione per interrompere l’anomala situazione.

Lo stupefacente, sottoposto a sequestro, sarà inviato al laboratorio di analisi dei Carabinieri di Laives per certificarne peso, dosi ricavabili e qualità.

Nella scorsa settimana, l’azione di contrasto dei militari ha interessato anche i reati contro il patrimonio, con la denuncia di una 48enne rivana, sempre alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto, per furto e indebito utilizzo di carta bancomat, a conclusione di una indagine avviata sulla base di una denuncia, presentata da un’infermiera, a cui era stata sottratta la borsa, mentre era in servizio presso la locale sede dell'Azienda Sanitaria.

Dall’analisi delle transazioni bancomat, si è risaliti a un esercizio commerciale, ove era stato effettuato un indebito acquisto con la carta rubata e grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza, i Carabinieri sono riusciti a individuare la donna denunciata, che aveva avuto accesso agli uffici dell’A.P.S.S., nell’intervallo temporale in cui è stato consumato il furto, raccogliendo evidenze circa il suo accesso a entrambi ai siti, interessati dal reato. Quindi, i Carabinieri arcensi si sono presentati al domicilio della presunta autrice del furto e dopo un’accurata perquisizione, hanno rinvenuto il portafoglio rubato, che dopo le procedure di rito è stato restituito alla vittima.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy