Salta al contenuto principale

Lido, tennis addio
dopo quasi 50 anni

a Riva del Garda

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

Ultimi dritti e rovesci, ultime volée e passanti, poi si chiude per sempre.

Ieri le ultime partite sugli storici campi di tennis al Lido.

Da oggi, domenica, si inizia a smantellare tutto, campi, accessori, clubhouse e questa volta per sempre. Nel senso che non si tratta della solita chiusura stagionale, ma della fine di un'epoca.

I campi - come noto - rientrano nel progetto del nuovo Palacongressi e diventeranno parcheggi. Gli appassionati da lunedì torneranno a giocare, come ogni inverno, sotto il "pallone" dei Giardini di Porta Orientale (per tanti rivani "Giardini del tennis" non a caso) ma a primavera invece di ritrovare i quattro campi in terra rossa accanto al distributore «Agip», dovrebbero inaugurare i nuovi campi al Brione, che in una prima fase saranno tre (scoperti) e con il secondo lotto dovrebbero diventare in tutto cinque (altri due coperti).

«Eravamo qui dal 1973 - ricorda lo storico maestro del circolo, Valerio Mosele - nel 1974 era stata realizzata la clubhouse, ma domenica inizieremo a smontare tutto, non torneremo più qui». La sede ufficiale del Circolo è sempre stata la Casina dei giardini, ma la maggior parte della vita sociale in questi 47 anni è stata spesa al Lido. «Tantissimi hanno imparato qui a giocare - aggiunge Mosele - molti sono diventati giocatori di seconda e prima categoria, altri sono diventati maestri di tennis imparando il mestiere su questi campi». Che presero il posto di arbusti e sterpaglie in una Riva molto diversa dall'attuale e che cambierà di nuovo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy