Salta al contenuto principale

Morto a 55 anni Ivan Zucchelli 

Stava scontando 30 anni

per l'omicidio di Daniela Sobotig

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

La morte ha messo la parola fine ad una vicenda travagliata e dolorosa. L’altroieri è scomparso per cause naturali Ivan Zucchelli, 55 anni, l’imprenditore rivano che da luglio scorso si trovava agli arresti domiciliari, condannato in Cassazione nell’aprile del 2017 per l’omicidio dell’amica e farmacista friulana Daniela Sabotig, 54 anni.

Zucchelli è deceduto all’hospice di Mori a causa di un tremendo male, e fino all’ultimo è stato circondato dall’affetto dei suoi cari che non hanno mai smesso di credere alla sua innocenza.

I fatti risalgono alla notte tra il 4 e il 5 febbraio del 2013 quando Zucchelli e Sabotig rimangono vittime di un incidente stradale lungo la strada che costeggia il lago di Ledro verso Pur: la Renault Kangoo su cui si trovano i due esce di strada precipitando nella scarpata. Daniela Sabotig, amica di Zucchelli da anni e malata di sla, perde la vita. E Ivan Zucchelli, praticamente illeso, racconta di una tragica fatalità. Ma ben presto le indagini dei carabinieri disegnano una realtà diversa e quattro giorni dopo l’uomo viene arrestato con l’accusa di «omicidio volontario aggravato». Tra i moventi, quello economico.

La battaglia tra pubblica accusa e difesa attraversa tutti e tre i gradi di giudizio: il 4 luglio 2014 il Tribunale di Rovereto condanna Zucchelli a 30 anni di carcere; un’anno più tardi, il 15 luglio 2015 la Corte d’appello di Trento conferma il verdetto; la Cassazione non fa passi indietro e il 26 aprile 2017 arriva il giudizio definitivo che conferma i 30 anni iniziali. E l’uomo viene rinchiuso nel carcere di Padova.

Purtroppo le sue condizioni di salute iniziano a peggiorare e dagli esami eseguiti la primavera scorsa emerge una grave patologia incompatibile con il regime carcerario. Da qui la richiesta presentata in prima istanza dallo stesso Zucchelli e in seguito dai suoi legali, che porta alla decisione dell’ufficio di sorveglianza del tribunale di Padova di concedere all’uomo gli arresti domiciliari presso la sua abitazione a Riva, dove dal luglio scorso ritorna a vivere assieme alla moglie, che lo sostiene sempre.

Nonostante le cure, la sua salute peggiora continuamente, in maniera drammatica a dicembre scorso, quando perde il papà Mario Zucchelli, 82 anni, storico albergatore e apprezzata figura politica, già assessore e presidente del consiglio comunale di Riva. Dopo un periodo in ospedale, Ivan Zucchelli rientra per un periodo a casa, ma una decina di giorni fa è costretto al ricovero presso l’Hospice di Mori, dove mercoledì viene a mancare.

«Fino all’ultimo - ricorda il suo legale Paolo Bonora - Ivan ha sostenuto la sua innocenza, e anche se mostrava di essere tranquillo, di sicuro questa cosa lo ha segnato profondamente. L’avevo visto martedì all’Hospice di Mori. Con la sua morte si è chiuso un capitolo triste, da qualsiasi punto lo si guardi».
Sin dalle prime accuse, Ivan Zucchelli si è sempre detto estraneo ai fatti e la famiglia gli è stata vicina con affetto, dedizione e fiducia. Anche il padre lo ha sempre sostenuto, preoccupandosi della sua vicenda umana e giudiziaria. Ivan Zucchelli, per suo espresso desiderio sarà cremato e le ceneri disperse tra i monti altogardesani.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy