Salta al contenuto principale

Riva, polemica tra pescatori

"aggredito" il professionista

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

È uno sfogo comprensibile quello che Alberto Rania, l’unico pescatore professionista del Garda trentino, ha affidato ai social dopo due episodi spiacevoli.


Per due sere di fila è stato apostrofato da pescatori cannisti alle foci del Sarca, dove si apprestava a gettare le sue reti. Ricordando anche un terzo precedente, quando gli tirarono pure i sassi dalla riva.

«Il regolamento della pesca mi permetterebbe di mettere le reti 3 ore prima del tramonto, cosa che non faccio mai per permettere agli altri pescatori con le canne di poter pescare e divertirsi. Credo di aver dimostrato negli anni il mio impegno per la difesa del lago, sono impegnato costantemente nel volontariato con gli «Amici della Tirlindana», sono stato socio fondatore e primo presidente dell’Unione Pescatori Sportivi del Garda, tra le tante cose fatte per il lago ricordo le innumerevoli semine di trote, lucci e tinche, la posa del canneto di punta Lido, l’area protetta di Val Gola, la posa delle fascine per il pesce persico, i progetti per il carpione e l’alborella. Ho a cuore la sua salvaguardia per il futuro».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy