Salta al contenuto principale

Sulla Ponale raggiunto

il milionesimo passaggio

La strada-sentiero chiuderà di nuovo il 5 novembre per l'ultima serie di interventi di riqualificazione, riaprirà a primavera, probabilmente il 15 marzo 2019

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 21 secondi

Quando li ha visti venirgli incontro e quasi «sbarrargli» la strada un tantino si è preoccupato, o quantomeno interrogato.

E deve aver pensato di essere su «Scherzi a parte». Di certo la sua prima volta sulla Ponale non la dimenticherà tanto facilmente. Lui è Amilcare Bonomini, di Prevalle in provincia di Brescia. Ed è anche il protagonista del «millionesimo passaggio» sulla vecchia strada oggi sentiero ciclo-pedonale che collega la Busa con la Val di Ledro, quel tracciato che tutti ci invidiano nel mondo. Il traguardo del passaggio numero «1 milione» è stato tagliato ieri mattina attorno alle 10.

A consegnare una speciale medaglia coniata per l’occasione c’erano all’inizio della Ponale i rappresentanti del Comitato «Giacomo Cis», Lodovico Tavernini, Graziano Riccadonna ed Eleonora Pisoni.
Un milione di passaggi da quanto è stato installato il «contapersone», il 5 luglio del 2016, poco più di due anni or sono. Il dato ovviamente non è scientifico perchè lo strumento tecnico conteggia due volte la stessa persona se sale da Riva e poi torna a valle dalla stessa parte. Ma è comunque un dato che conferma quanto la Ponale rappresenti un patrimonio unico nell’Alto Garda e in Trentino in generale.

Tutto è accaduto nelle stesse ore in cui si svolgeva una riunione tecnica per pianificare il prossimo e ultimo intervento pianificato dalla Comunità di Valle e annunciato da tempo. Il sentiero della Ponale chiuderà i battenti il prossimo 5 novembre e riaprirà definitivamente (salvo intoppi) il 15 marzo 2019. Verranno eseguiti i lavori di consolidamento delle volte delle gallerie e di manutenzione ordinaria del sentiero. L’importo complessivo dei lavori è di 213 mila euro, la durata dell’intervento è di 75 giorni. Alla gara di appalto sono state invitate 12 ditte, delle quali 11 hanno dato risposta. La gara è attualmente in fase di aggiudicazione, mancano gli ultimi dettagli e il nome della ditta vincitrice sarà comunicato a breve. Oltre ai lavori di consolidamento delle gallerie, verranno effettuati degli interventi già programmati sui sottoservizi da parte della S.O.V.A e interventi atti a mitigare la velocità delle mountain bike sul sentiero. Ai lavori già programmati si aggiungono quelli relativi ai 160 mila euro aggiuntivi decisi recentemente dai sindaci dell’Alto Garda e Ledro e dalla Comunità che verranno impiegati per la sostituzione delle reti e altri interventi di mitigazione del rischio. A fronte di un monitoraggio costante da parte dei tecnici e dell’ente gestore, si è ritenuto opportuno agire in questo modo.

L’importo complessivo degli interventi che si concluderanno a marzo è di un milione 382 mila euro, più 93.862,92 di somme a disposizione per un totale di 1.476.537,96. ««Ringrazio tutti quelli che stanno collaborando a questo progetto - sottolinea il presidente della Comunità Malfer - in particolare i tecnici. Sono orgoglioso del risultato e della sinergia creatasi». «Bene la riqualificazione del sentiero - aggiunge Donato Riccadonna - Ma per noi il futuro si gioca sul recupero e il rilancio della Tagliata e della casermetta».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy