Salta al contenuto principale

Festa per i 40 anni

del circolo pensionati di Riva

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

Inaugurato nel maggio del 1978, il Circolo pensionati di Riva del Garda festeggia un traguardo importante, i 40 anni di attività, e lo fa domani 27 maggio con una grande festa, nella sede in viale Pilati: alle 10.30 l’apertura con la Fanfara alpina, il saluto delle autorità e alle 11 la messa cattolica celebrata da don Claudio, a seguire il rinfresco e il pranzo offerto a tutti i partecipanti. La conclusione è affidata al concerto della Fanfara alpina.

Correva l’anno 1977, a fine di ottobre  un gruppo di persone si riunisce per fondare un ritrovo per pensionati. Si tratta di Leandro Amistadi, Danilo Betta Bonora, Lucillo «Cilo» Bombardelli, Ugo Cavallini, Saverio Ceschinelli, Pierino Leoni, Germano Tonelli e Silvio Zanolli, che passeranno alla storia della città come i soci fondatori. Il primo problema è trovare una sede, possibilmente in centro perché sia più accessibile e più piacevole, ma soldi non ce ne sono. La città per fortuna risponde con slancio: il Comune mette a disposizione un locale nella piazzetta San Giuseppe, alcuni concittadini regalano vecchie sedie e quanto necessario per l’arredo, compreso un vecchio banco per la mescita di vini, che i soci, con Leoni in prima fila, riparano e restaurano, non di rado lavorando fino nel cuore della notte. Altro problema è la gestione. In mancanza di soldi ci si deve arrangiare, e la scelta, obbligata, è che a turno tutti i membri del primo drappello di soci se ne occupino direttamente, improvvisandosi osti e camerieri.

Così, il 20 maggio del 1978 ecco l’inaugurazione, presenti il sindaco Franco Odorizzi, l’arciprete don Vito Libera e il sindacalista Eugenio Bertola, che tanto ha sostenuto il gruppetto di fondatori. Il primo discorso, commosso e applauditissimo, lo tiene Bombardelli, mentre Leoni dietro il banco si dà un gran daffare a servire al meglio tutti i convenuti. Un piccolo rinfresco chiude la cerimonia. In pochissimo tempo il numero dei soci arriva alla soglia dei cento, la quota sociale annuale è di 2000 lire.
Oggi, presidente Arturo Giovanelli, il circolo conta poco meno di 500 soci. Dal 1997 la sede, più spaziosa e accessibile, si trova in viale Pilati, sull’attuale piazza della Costituzione. È qui che domenica si celebrerà l’importante ricorrenza.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy