Salta al contenuto principale

Alta Valsugana, in un anno investiti 55 ungulati: "Dato in crescita"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 34 secondi

Le recenti abbondanti nevicate, l’incremento dei mezzi sulle strade forestali (impegnati negli esboschi post-Vaia), e l’aumento dei «grandi carnivori» nei boschi e montagne dell’Alta Valsugana stanno mettendo in pericolo, e causando la morte, di molti ungulati e della fauna autoctona.
Il grido d’allarme è stato lanciato dalla riserva comunale cacciatori di Pergine che nei giorni scorsi ha elaborato un primo bilancio della stagione venatoria, pur dovendo rinviare, per limiti e distanziamento legati a Covid 19, l’assemblea dei soci cacciatori (circa 120), solitamente fissata a fine gennaio.
«L’ultima stagione venatoria è stata positiva, senza sanzioni e incidenti - spiega il rettore della riserva di Pergine Giuliano Andreatta - per l’approvazione del bilancio avremmo tempo sino a maggio, ma non mancano tuttavia timori e preoccupazioni. E’ in calo il numero delle catture degli ungulati (29 caprioli maschi e 24 femmine adulte, 2 camosci e 4 cervi), con la caccia di selezione al cinghiale che ha portato alla cattura di 55 esemplari, 35 nella sessione primavera-estate e 20 in autunno (erano stati 71 nel 2019)». A preoccupare è soprattutto l’elevato numero di animali investiti o rinvenuti morti.
«Nell’annata sono stati rinvenuti oltre 55 capi di ungulati morti per investimento di vetture o mezzi agricoli o perché attaccati da altri animali (all’appello mancano anche 6 caprioli assegnati alla sezione ma non individuati) - spiega Giuliano Andreatta - si tratta di numeri allarmanti e che potrebbero crescere, visto l’inverno rigido e con molta neve anche sul fondovalle. E’ continuato l’impegno della sezione cacciatori nel portare del foraggio nelle mangiatoie in quota (tre in Panarotta e una alla malga di Susà), operazioni in parte ostacolate dalla tanta neve. Il nostro patrimonio faunistico andrebbe maggiormente tutelato a fronte degli attacchi dei grandi carnivori (in particolare il lupo) o di cani selvatici». Rinvenimenti di carcasse che si sono intensificate anche nelle ultime settimane (sia in Panarotta che sulla Marzola), con caprioli e cervi scesi a valle alla ricerca di cibo in zone libere dalla neve e spesso presenti lungo le strade forestali.
«Gli schianti legati alla tempesta Vaia hanno reso impraticabili ampie zone di bosco e la stessa fauna (ungulati) si smuove spesso lungo sentieri e strade forestali, venendo così coinvolta in scontri o investimenti con mezzi agricoli e autovetture - spiega l’ispettore Giorgio Zattoni a capo della stazione forestale distrettuale di Pergine - il grande impegno del nostro servizio provinciale è rivolto in primis a ripristinare l’ampia rete di strade forestale del territorio (oltre 50 km nel distretto Alta Valsugana), garantendo la corretta gestione del patrimonio boschivo, completando i ripristini dopo la Tempesta Vaia e tutelando eco-sistema e fauna locale. Gli interventi attuati ed in programma verranno presentati nelle varie sessioni forestali previste a febbraio (incontri per ambiti ristretti e limitati solo ad amministratori ed addetti ai lavori)». «La presenza del lupo non è certo una novità anche in Alta Valsugana e Panarotta, anche se mancano dati e notizie più certe - conclude il rettore di Pergine Andreatta - serve una maggiore collaborazione tra cacciatori, forestali e esperti provinciali per tutelare la nostra fauna autoctona sia dalla crescente presenza del cinghiale sia dall’aumento dei grandi carnivori».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy