Salta al contenuto principale

L'ultimo saluto a Primo Pintarelli:

l'ex assessore di Pergine

è scomparso dopo 9 anni in coma

 

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 20 secondi

Molte persone, ieri pomeriggio, hanno voluto partecipare all’ultimo saluto a Primo Pintarelli, ex assessore e consigliere comunale a Pergine scomparso venerdì dopo 9 anni di coma: un affetto sincero in ringraziamento a quanto fatto da Primo, che è stato soprattutto rivolto ai familiari, nonostante le limitazioni imposte dal Covid-19.

Molti i colleghi della Federazione allevatori che gli hanno riservato un caloroso saluto al termine del funerale, molti gli amici ed ex consiglieri comunali che non hanno mancato di far riemergere ricordi e aneddoti di quegli anni, dove la politica aveva modi e ritmi completamente diversi di oggi. Presente alle esequie, celebrate dal parroco di Pergine don Antonio Brugnara, il sindaco Roberto Oss Emer con tutti i colleghi di giunta, il presidente del consiglio provinciale Walter Kaswalder e il vicepresidente della Provincia Mario Tonina (ex direttore della Federazione allevatori), oltre ai vigili del fuoco volontari di Pergine in alta uniforme (il figlio di Primo, Carlo, è vigile attivo) e agli alpini del gruppo di Susà.

«Questo momento è il compimento - ha ricordato don Brugnara all’inizio della celebrazione - della via della croce di Primo»: una croce pesante 9 anni, quella di Pintarelli, un dolore che non ha cause, non ha colpe. «Solo amore, affetto e vicinanza - ha proseguito il parroco - sanno avvicinarsi in questo percorso senza cercare risposte a domande particolari, anche se questo produce baratri di angoscia e ribellione in chi partecipa a questo cammino».
Una vita interrotta ancora nel pieno delle forze, quella di Primo Pintarelli, quel giorno di aprile del 2011, ad appena 53 anni: «Dobbiamo riconoscere -ha detto ancora don Brugnara - la bellezza della sua vita, il bene che ha compiuto per la sua famiglia e per le comunità di Susà e Pergine, la sua dinamicità impressionante che sono esattamente il contrario di questi anni di immobilità. Di questo vogliamo dire grazie, questi nove anni non cancellano la figura che lui è stato.
Sappiamo solo che se ha saputo servire gli altri con la sua attività, il dono del suo dolore non è per sé stesso, ma è ancora una volta per tutti».

Prima dell’uscita del feretro, il figlio Carlo ha avuto parole commosse per il papà: «Sei stato per me e per tutti noi un grande uomo, un grande papà, un grande marito. Hai vissuto e amato intensamente la vita, dedicandoti non solo alla famiglia e agli amici, ma anche al lavoro e alla tua città, impegnandoti nel sociale e nella politica. Sei stato un uomo stimato ed apprezzato non solo da compagni di partito ma anche dagli avversari politici con i quali ti sei sempre impegnato a rapportarti con rispetto. Quando venivamo a trovarti in quella stanza di ospedale ci era difficile accettare che tu non fossi più quell’uomo vivo, in salute, pieno di energia che sei stato fino a quel tragico evento. Ti vedevamo intrappolato in quel corpo che non riusciva più ad esprimere le proprie emozioni, e per noi era solo sofferenza. Ora ti immaginiamo sereno e libero, di nuovo padrone di te stesso, e perché no, felice mentre pedali per i cieli con gli amici che ti hanno preceduto».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy