Salta al contenuto principale

Cinghiali, con la fase 2
aperta la caccia di selezione

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

Con l’avvio della «Fase Due» contro l’emergenza coronavirus possono riprendere in Trentino e sul territorio di Pergine e dell’Alta Valsugana la caccia di selezione al cinghiale (specie non-autoctona) e la pesca in laghi e torrenti.

Come già anticipato domenica nella pagina della Valsugana, «la caccia di selezione al cinghiale è aperta da questa settimana, ma per ora sembra che le varie riserve e zone di selezione si possano raggiungere solo a piedi e in bici e senza l’uso della propria vettura - spiega Giuliano Andreatta rettore della riserva comunale cacciatori di Pergine (quasi 120 soci)-: nelle prossime ore ci attendiamo un chiarimento dai servizi provinciali, su questo aspetto. Ci sembra piuttosto difficile e problematico raggiungere le località di caccia della Marzola o della Panarotta senza l’autovettura, dove riporre con cura anche fucili o eventuali prede».

Nel 2019 i cacciatori perginesi hanno effettuato ben 2.586 uscite per la selezione al cinghiale con 71 abbattimenti totali, di cui 30 nel solo periodo primaverile (aprile-maggio), mentre ora il proliferare della specie sta causando danni ad agricoltura e silvicoltura.
«In bassa Valsugana si sono avuti molti danni alle colture di mais (l’Adige di venerdì 1° maggio), mentre nella nostra zona sono giunte varie segnalazioni di frutticoltori e operatori boschivi, data la loro crescente presenza anche vicino ai centri abitati - conferma il rettore Andreatta -.Raccomando ai nostri cacciatori (circa 80 quelli abilitati alla selezione al cinghiale) di segnalare puntualmente uscite e “colpi falliti”, rispettando le femmine in lattazione o gravide. Data la presenza nelle nostre campagne e sui sentieri di molti piccoli di ungulati (come caprioli), invitiamo chi li incontra (e gli stessi possessori di cani) a rispettarli non avvicinandoli o toccandoli: questo porterebbe all’abbandono da parte della madre e alla loro fine prematura».

Da ieri è possibile tornare anche a praticare la pesca sportiva nei laghi e torrenti dell’Alta Valsugana. «Abbiamo dovuto annullare la nostra attesa gara Coregone Trophy sul lago di Caldonazzo e rinviare alcune semine o ripopolamenti - spiega Sergio Eccel presidente dell’associazione pescatori Fersina e Alto Brenta -; per ora si può raggiungere la riserva di pesca solo a piedi o in bicicletta (e-bike compresa). La nostra non è certo un attività essenziale ma può consentire un lento ritorno alla normalità per tante persone (anche pensionati) dopo un lungo lockdown: raccomando a tutti i giusti limiti di sicurezza, distanziamento e l’uso della mascherina in presenza di più persone».

L’Associazione pescatori Fersina e Alto Brenta attende ora la ripresa dei lavori di rifacimento alla presa del bacino del Caspio nel comune di Sant’Orsola, già finanziata per circa 110 mila e necessaria al funzionamento del locale impianto ittiogenico e della vicina segheria veneziana.

«Il Covid-19 ha messo a dura prova il sistema economico e commerciale - spiega Eccel anche nel suo ruolo di artigiano e posatore di pavimenti -: ci auguriamo che le attività produttive e turistiche possano riaprire a breve. Nella fase della ripresa anche la pesca e l’attività venatoria possono dare un contributo importante, garantendo tutela attiva e promozione del territorio trentino».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy