Salta al contenuto principale

Tenna, coppia pizzicata tre volte

in pochi giorni a passeggio

La somma delle multe arriva a 1.700 euro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

Costerà davvero cara la voglia di passeggiate a una coppia di Tenna, che è stata multata dalla Polizia Locale dell’Alta Valsugana per ben tre volte nell’arco di pochi giorni. In totale, infatti, l’ammontare delle sanzioni comminate ai due sfiora i 1.700 euro: la serialità di queste passeggiate è risultata davvero incredibile anche per gli agenti che si sono trovati a multare tre volte, per lo stesso motivo, le stesse persone in neanche una settimana.

Le belle giornate di sole primaverile stanno rendendo sempre più difficile la quarantena forzata in casa delle persone: ma se è vero che ci si appella anche al buon senso dei singoli, cui è consentito uscire di casa solo per motivi di necessità e, nel caso di una sgranchita alle gambe, solo nella prossimità della propria abitazione, è altresì vero che il buon senso è davvero sconosciuto a molti.

La prima sanzione amministrativa, come previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio che limita gli spostamenti per arginare la diffusione del coronavirus, elevata a danno di questa coppia risale a mercoledì: troppo distanti dalla loro casa per cercare di far finta di niente. Ad entrambi una nuova multa da 280 euro.

Nuovo pattugliamento e stessa coppia a passeggio nella giornata di sabato, sempre troppo distanti da casa: nuova sanzione, altri 280 euro a testa.
Ieri, a seguito di altri controlli, la pattuglia della Polizia Locale ha rintracciato ancora la stessa coppia a spasso, sempre troppo distante da casa: altri 280 euro di sanzione a testa. In totale dunque, per l’irrefrenabile voglia di camminare, i due dovranno sborsare 1.680 euro.
Ma, come racconta il sindaco di Tenna, Antonio Valentini, il territorio sul colle sembra essere molto appetibile per questi «furbetti»: ieri pomeriggio sono state multate altre due persone, provenienti dal territorio comunale di Pergine, intente a passeggiare nei dintorni del forte.

A Pergine, sempre a seguito dei controlli, ieri è stata elevata un’altra sanzione, e nei giorni scorsi una donna è stata fermata e sanzionata una donna che, nonostante le limitazioni, voleva recarsi a Catania, con avviso anche della Polizia di frontiera aerea di Bologna.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy