Salta al contenuto principale

Mascherine, sarte in campo

per produrle gratis

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

Dire che in Italia c’è fame di mascherine è dire poco.
I dispositivi che devono proteggere innanzi tutto il personale sanitario dal contagio da Covid-19, e poi chiunque sia esposto al rischio, sono ancora pressoché introvabili, a tre settimane dall’inizio accertato del contagio in Italia. Ne servirebbero, stando alle informazioni diffuse, 35 milioni, ma molti Stati esteri hanno bloccato gli invii e siamo in difficoltà.
Ma se a Torino c’è un’azienda, la Miroglio, che ha cambiato la propria produzione passando dall’alta moda al confezionamento delle agognate protezioni, anche in Trentino qualcuno - in piccolo - si muove. O meglio, vorrebbe muoversi.

Sono due stiliste e sarte di Fornace e Albiano, Hilda Dorighi e Marta Fedrizzi. Chiusi o quasi i loro laboratori in attesa che la tempesta perfetta si plachi (quello di Hilda, notissimo, ha anche una vetrina in vicolo del Vo a Trento), si sono chieste se potevano essere utili, avendo macchinari industriali sofisticati a disposizione e due mani d’oro a testa.

«Io ho il laboratorio sotto casa a Fornace - spiega Hilda Dorighi, da 30 anni nel campo della moda, con esperienze da Calvin Klein a New York e presenze a fiere importanti a Milano e Firenze - mentre Marta ce l’ha ad Albiano. In questo periodo siamo ferme, ma leggendo e sentendo che mancano mascherine protettive, mi è venuto in mente che noi abbiamo i macchinari giusti per produrle».

I macchinari okay, ma il tessuto? «Ecco, questo è il problema - spiega Olga -. Ci manca il tessuto certificato e non sappiamo come procurarcelo. Per questo abbiamo pensato a uscire sul giornale, in modo da far emergere il più possibile la nostra disponibilità».
Magari, è l’idea delle due artigiane, qualche azienda italiana potrebbe fornire la materia prima, da trasformare in mascherine; o qualche industria trentina del settore dei filati (e ce ne sono, di blasonate) potrebbe attrezzarsi per produre quello necessario autonomamente, come ha fatto il gruppo Dorighi.
«Vogliamo capire poi - continua Hilda - se ci sono altre sarte o laboratori in possesso di macchinari e bordatrici che potrebbero mettersi a disposizione come noi, per aumentare il numero dei prodotti».

Una disponibilità a titolo del tutto gratuito, precisa la stilista, che solo nel suo laboratorio potrebbe produrre oltre 100 mascherine al giorno: «Ovviamente parliamo di mascherine chirurgiche, col tessuto a ventaglio, non di quelle dotate di filtro che hanno bisogno di macchinari per la termosaldatura».

Precisazione opportuna ma, in tempi di carestia, ogni briciola è benedetta: «Capiamo - prosegue infatti Dorighi - che quello che offriamo è una goccia, ma ogni aiuto in questo momento può essere prezioso. Vediamo infermieri disperati, personale sanitario che si sacrifica a suo rischio e pericolo, e mascherine che costano uno sproposito. Noi ci siamo, chiediamo però una mano per avere il tessuto giusto a disposizione».
Aggiunge Marta Fedrizzi, da 25 anni sarta per conto di molti negozi trentini: «L’idea l’ha avuta Hilda, domenica mi ha telefonato e ho aderito volentieri: lei sa che ci sono sempre, se serve. Avere il tessuto giusto a disposizione però è necessario, quindi chi può darci aiuto o informazioni ci contatti».

Il numero da chiamare per partecipare a questa iniziativa è quello di Hilda Dorighi: 3409045070.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy