Salta al contenuto principale

Lavori nell'alveo del Fersina

critiche del Comitato

ai Bacini Montani

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

Da fine giugno sono iniziati i lavori che il Servizio Bacini Montani della Provincia ha predisposto nell’alveo del torrente Fersina, dal ponte al Croz del Cius al Ponte Regio: lavori che si sono resi necessari dopo il passaggio della tempesta Vaia dell’ottobre 2018, quando il torrente ha portato a valle una gran quantità di detriti e ghiaia. Si parla infatti di «rimodellamento del materiale inerte, recupero schianti e trattamento del materiale vegetale» che l’impresa Bianchi srl di Isera, su commissione della Provincia, sta portando avanti: uno scavatore è all’opera appunto per livellare i detriti ed al tempo stesso rimuovere praticamente tutta la vegetazione presente nell’alveo. È su questo punto, ma in generale su tutti i lavori, che il Comitato per la tutela del torrente Fersina ha sollevato molte perplessità. «I Bacini Montani - si legge in una nota del Comitato - stanno spianando il letto del torrente senza alcuna logica se non quella di raddrizzare il corso d’acqua. Già negli anni Novanta erano chiari i principali concetti da tenere presente in caso di ricostruzione morfologica di un corso d’acqua, operazione che dovrebbe far sì che il fattore morfologico e quello naturalistico vadano a braccetto. In questo caso invece sta distruggendo il Fersina con una ignoranza senza precedenti, non si considerano i concetti base, elementari per questo tipo di lavori».
In particolare, denuncia il Comitato, non si sta per nulla pensando alla tutela dell’habitat fluviale, reso invece una spianata ghiaiosa senza ombra e ripari per la popolazione animale, prima fra tutti quella acquatica. «È importante - prosegue la nota - valorizzare e gestire correttamente la vegetazione in alveo perché rappresenta l’anello di unione tra ambiente terrestre e quello acquatico, consolida le scarpate, rallenta la corrente, filtra gli agenti inquinanti, incrementa il valore paesaggistico e ricreazionale»: la settimana scorsa alcuni volontari hanno prelevato i pesci presenti in quel tratto di torrente, fra i quali oltre alle numerose trote sono stati trovati anche degli scazzoni, ad indicare la salubrità dell’acqua, tale grazie alla vegetazione prima esistente che filtrava anche i liquami delle fognature che, come più volte segnalato su questa pagina, sboccano direttamente nel corso d’acqua sotto Canezza.
«Considerando tutto questo -conclude la nota- si può capire che l’intervento di ricostruzione morfologica del Fersina, oltre che essere raro, sbagliato e fatto male, è estremamente dispendioso in termini economici soprattutto nel lungo termine».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy