Salta al contenuto principale

Pergine, Pedibus di nuovo

al via dal prossimo lunedì

Chiudi

Il servizio Pedibus riparte

Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 18 secondi
Partirà lunedì prossimo 1° ottobre a Pergine la decima edizione del «Pedibus», il  di accompagnamento degli alunni nel tragitto casa-scuola presso le scuole elementari «Don Milani» di via Monte Cristallo a Pergine. Grazie alla convenzione siglata già lo scorso anno tra Comune di Pergine e istituto comprensivo «Pergine Uno», guidato dalla dirigente Donatella Rauzi, sono già stati individuati i circa 30 addetti alla sorveglianza scolastica che guideranno gli alunni attraverso i tre percorsi cittadini, assicurando sicurezza e tutela negli attraversamenti pedonali davanti a cinque plessi scolastici (le Elementari don Milani, Gianni Rodari, Zivignago, Madrano e Canale). 
 
«Sono già un sessantina gli alunni iscritti, ma c’è ancora tempo per formalizzare la propria adesione da parte di famiglie e genitori - spiega l’insegnante Sauro Giongo che, sin dall’inizio, ha seguito il progetto - un servizio partito nel 2010 e pur con modalità e caratteristiche diverse è stato mantenuto e migliorato riuscendo a coinvolgere oltre 120-130 alunni ogni anno. Anche quest’anno i percorsi casa-scuola saranno tre (il rosso, il verde, il giallo) e gli alunni con capellino e pettorina identificativa saranno accompagnati da due o più addetti lungo l’intero percorso». 
 
Un progetto avviato dall’amministrazione comunale di Pergine, in sinergia con l’istituto «Pergine Uno» e il corpo di polizia locale Alta Valsugana, che all’inizio ha coinvolto anche i ragazzi ospiti della comunità di San Patrignano di Pergine, quindi gli stessi genitori, per aprirsi poi a studenti, disoccupati o pensionati e anche a rifugiati.
 
«Grazie al contributo di Comune e Provincia (circa 30 mila annui) la scuola ora assicura l’assunzione a tempo determinato dei vari addetti, che sono impegnati a rotazione per un tempo di circa 3 mesi - spiega la dirigente di “Pergine Uno” Donatella Rauzi -; quest’anno attingeremo alla graduatoria composta già lo scorso anno, ma saremo attenti anche a nuove richieste di persone disoccupate o in difficoltà economica che dovranno svolgere comunque un breve corso formativo, assicurando loro un contratto di lavoro autonomo occasionale ed un compenso di 10 euro orari». 
 
Un progetto che garantisce sicurezza e tutela degli alunni davanti ai plessi scolastici e nel percorso casa-scuola, ma che punta anche alla promozione di mobilità sostenibile ed educazione dei giovani pedoni, domani futuri ciclisti ed automobilisti, e riducendo anche le vetture dei genitori davanti alle varie sedi scolastiche.
 
«Il Pedibus proposto a Pergine è stata tra le prime esperienze di questo tipo avviate in Trentino, ed oggi riconosciute dalla provincia nel progetto più ampio “A piedi sicuri” - conclude Sauro Giongo -: la necessità ora di un apposito permesso dei genitori, per lasciare la scuola non accompagnati, sta un po’ frenando e limitando le adesioni, ma siamo sicuri che la partecipazione non mancherà e il servizio manterrà la sua valenza e valore sociale».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy