Salta al contenuto principale

Pergine, il bar Posta di via Pennella

ha riaperto tutto rinnovato

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

È di nuovo aperto lo storico ristorante bar «al Posta», in via Pennella a Pergine, nel palazzo che accoglie chi entra nel «cuore» della città. Dopo una parentesi di gestione cinese, infatti, il locale torna a parlare italiano. Ad accogliere i clienti ci sono Davide Coniglione, siciliano di origine ma da oltre quindici anni a Pergine, e sua moglie Eleonora Folgheraiter, perginese doc. Il proprietario dell’edificio è invece l’impresario perginese Flavio Pallaoro, che presenta i titolari agli avventori.

L’ambiente è stato totalmente rinnovato, così come la disposizione dell’arredamento e dei locali di servizio, i colori alle pareti e il mobilio. È stato mantenuto però in bella vista il corno postale sul bancone del bar e sull’insegna: è il simbolo che dà il nome al locale e all’intero edificio. Il corno postale (noto anche come cornetta da postiglione) è lo strumento musicale a fiato che veniva usato principalmente dai corrieri postali e dalle diligenze postali, per segnalare il loro arrivo e la loro partenza, specialmente durante il Settecento e l’Ottocento.

«Quando passavamo a piedi con mia moglie davanti al locale - dice Davide - vedevamo la gestione cinese e ci rattristavamo al pensiero che un locale così storico, in una via così bella, all’ingresso del centro, fosse in mano a qualcuno che non comprendeva il valore della struttura. Poi un giorno abbiamo visto che era chiuso e subito abbiamo pensato di gettarci in quest’avventura». 

Prima di arrivare in via Pennella infatti, Davide e Eleonora gestivano il tabacchino a San Cristoforo. È quindi la loro prima gestione nella ristorazione: «Il Posta - confida emozionata Eleonora - è stato il simbolo della mia adolescenza: qui ho passato tantissimo tempo a studiare, con gli amici, e a divertirmi: mi dispiaceva vederlo chiuso e con mio marito abbiamo deciso di prenderlo in gestione per portarlo di nuovo in auge, un’avventura che speriamo abbia successo».
E sono state subito tantissime le persone che, ieri pomeriggio, hanno affollato il locale per l’inaugurazione ufficiale: giusto un attimo prima che gli operai smontassero le scale dopo aver ritinteggiato di rosso le pareti esterne. Per ora funzionerà il bar e il ristorante solo per pranzo, in futuro anche per la cena.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy