Salta al contenuto principale

Halloween, strage di patenti

Otto ritirate in soli 6 giorni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

I numeri, per stessa ammissione dei carabinieri, sono «inconsueti».

In appena 6 giorni, nell’ambito dei controlli su strada effettuati dai militari della stazione di Cles, ben 8 patenti sono state ritirate a persone trovate in un uno stato di alterazione psicofisico.

In 7 casi si è trattato un’eccessiva assunzione di alcol, mentre in un’altra circostanza, a incappare nel ritiro della patente è stato un trentaseienne trentino beccato nell’atto di assumere droga.
Il più alto numero di infrazioni al codice della strada è stato registrato in occasione della festa di halloween: quella notte ben quattro giovani di età compresa tra i 29 ed i 21 anni sono incappati nelle sanzioni previste per i casi di guida in stato di ebbrezza.

L’etilometro ha decretato, per ben tre volte, un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro, così facendo scattare la più severa delle punizioni: sospensione della patente di guida da 1 a 2 anni, denuncia all’autorità giudiziaria con previsione di un ammenda compresa tra i 1.500 ed i 6.000 euro. Miglior sorte, se così si può dire, è toccata all’ultimo ragazzo alticcio intercettato quel giorno: la sua alcolemia, di poco inferiore a 0,8 grammi per litro, gli è costata, oltre al ritiro della patente, che potrà essere sospesa da 3 a 6 mesi, una multa per 700 euro.

Di lì a qualche giorno, come detto, per altre 3 volte i carabinieri della Val di Non hanno proceduto al ritiro della patente di guida per la medesima violazione. A perdere il documento sono stati, in due casi, ragazzi (un ventunenne ed un ventitreenne, con livelli di alcolemia, rispettivamente, di 0,9 g/l ed oltre 2 g/l).

L’ultima infrazione è stata invece accertata in conseguenza di un incidente stradale verificatosi il giorno 3 in Ville d’Anaunia: un ventinovenne, alle ore 5 del mattino, è finito fuori strada con la sua utilitaria. L’incidente, per fortuna, si è risolto senza conseguenze per il conducente dell’auto. Chiamato “a soffiare”, il giovane ha rivelato un’alcolemia di quasi 2 grammi per litro.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy