Salta al contenuto principale

La richiesta a Donato Seppi

della Corte dei Conti:

132 euro di danno erariale

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

«L’ex consigliere regionale Donato Seppi restitutisca 132mila euro per il danno erariale provocato». La richiesta è della Procura della Corte dei Conti di Bolzano che accusa l’attuale sindaco di Ruffrè Mendola di aver utilizzato irregolarmente i fondi pubblici destinati al suo gruppo politico tra il 2008 e il 2013.

La richiesta si inserisce nell’inchiesta che ha coinvolto tutti i capogruppo dell’allora consiglio provinciale altoatesino. E’ bene precisare che si tratta di una richiesta dell’accusa e non la sentenza della giustizia contabile che avverrà in futuro. La difesa ha sempre sostenuto che non può esserci alcuna irregolarità in quanto a quel tempo non c’era l’obbligo, da parte dei gruppi politici, di rendicontare le spese con la conservazione dettagliata di tutti gli scontrini, ricevute e fatture. Un obbligo che è stato introdotto successivamente ai fatti contestati.

Nella medesima inchiesta è coinvolto anche l’ex presidente della Giunta provinciale altoatesina Luis Durnwalder a cui è stato chiesto un risarcimento di 23mila euro per un periodo di pochi mese tra ottobre 2012 e marzo 2013. Anche per l’ex potente governatore la linea difensiva è uguale a quella sostenuta dagli avvocati del sindaco Seppi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy